Misoginia e seduzione

Il misogino è colui che odia le donne, ma ciò non esclude che sia anche un abile seduttore. Addentriamoci nelle cause di questa condizione e vediamo come a volte la psiche lavori in modo strano, avvicinandoci alla fonte di un non-desiderio.

misoginia

Credit foto
©sayu- 123RF

Il termine misoginia ha una radice greca e letteralmente significa: odio delle donne. Il misogino è perlopiù un uomo, ma non si possono escludere anche le rappresentanti del gentil sesso. Non è necessariamente legata al maschilismo, cui si fa riferimento per indicare un atteggiamento socialmente condiviso, ma si tratta di una disposizione individuale e di natura emotiva.

 

Come si riconosce il misogino?

La misoginia, come detto, è una condizione dalla natura emotiva. Chi ne è affetto prova un odio intenso nei confronti delle donne. Il misogino non si allontana dal suo oggetto di interesse, ma spesso ne è attratto: non è da escludere che abbia una vita affettiva, anche se superficiale. In genere è colui che parla con disprezzo delle donne e che sottolinea la differenza tra loro e il suo gruppo di appartenenza, screditando tutte le virtù tipicamente femminili. Questa visione si associa velocemente ad una concezione rigida e stereotipata dei generi: l'uomo forte ed erudito, la donna debole e sciocca.

Esistono quindi diverse manifestazioni della misoginia, a "gravità" variabile. Si parte dall'accettazione e divulgazione di stereotipi che danneggiano le donne, alla convinzione che l'intero genere femminile sia inutile e si conclude con l'assoluta certezza di dover dominare il gentil sesso, con le buone o le cattive.

 

LEGGI ANCHE ANDROFOBIA: COME SE NE ESCE?

 

Misogini seduttori

La seduzione è una delle componenti a sorpresa della misoginia. In molti parlano di misoginia da rivalsa: cioè approcciare una donna, conquistarla e farla soffrire come vendetta nei confronti di un amore passato e finito male. Non sempre le intenzioni sono tanto "delicate". Il misogino si avvicina alla donna e tenta di sedurla proprio per imporre la sua superiorità. Sedurre diventa sinonimo di conquista, di possesso di una persona che si deve piegare alla volontà e al fascino di un uomo.

Può capitare, a prescindere dalle convinzioni di questo speciale seduttore, che una donna rifiuti il corteggiamento. Questa situazione può essere potenzialmente pericolosa perché innesca un forte senso di rivalsa nei confronti di una persona che non viene considerata degna di poter rifiutare.

 

Leggi anche

Pregiudizio misogino? duro a morire

> Come affrontare un uomo misogino
> Misoginia sul posto di lavoro, come affrontarla

> Misoginia e media, il corpo come oggetto di consumo

 

Immagine | Commons Wikimedia