Amori estivi: ti amo. Mi manchi. Scusa, chi sei? Tutto in un click

Amori estivi: passionali, profondi. A volte eterni. A volte sfuggenti. Ma cosa fa nascere gli amori estivi? Complici degli amanti la luce, l'ipofisi e i sensi. E poi? Gli amori estivi finiscono il 31 agosto con in bocca ancora il sapore di sale o durano un po' di più? Scopriamo fatti e misfatti degli amori estivi: prima o poi ci son cascati tutti

Amori estivi: ti amo. Mi manchi. Scusa, chi sei? Tutto in un click

Gli amori estivi: quanti sogni e fantasie. E quante lacrime. La saga Sapore di mare ci ha fatto sognare più del Signore degli anelli, la “maglietta fina e quel  bacio a labbra salate” ha eccitato rampanti adolescenti e riscaldato il cuore di sognanti tredicenni, mentre l'abbigliamento “pinne, fucile ed occhiali” per Vianello era un depistaggio perfetto per parenti impiccioni in un tempo in cui si andava ancora a mare come la Famiglia Brambilla. Ma quando l'estate finisce che fine fanno gli amori estivi? Gli amori estivi sono tanti: ci sono quelli che durano quanto una barretta al cocco, quelli che si dimenticano come un alito di vento, quelli che ritornano ogni anno come le calende. Indimenticabili. Pochi sono gli amori estivi che durano fino alle foglie d'autunno e pochi che arrivano al pranzo di nozze. Ma come si sviluppano gli amori estivi?

 

Amori estivi: la coppia perfetta

Chi di noi non ha provato l'inebriante eccitazione degli amori estivi supportati e validati da attendibili test che dimostrano che se lui (il vicino palestrato d'ombrellone) si rende conto che il costume che lei indossa il pomeriggio non è verde pallido come quello della mattina ma verde pisello, allora si tratta di vero amore? Amori estivi: mare, spiaggia, caldo, sole, sguardo al di sotto degli occhiali, lui che addirittura le spalma la crema e dice di adorare la Pausini e lei che improvvisamente sa tutto di Cassano e del possibile scambio con Motolivo al Milan. E poi, che dire del sesso sotto, sopra intorno e senza le lenzuola seguito da romantiche passeggiate sulla battigia dove lui la tiene per mano e lei sbatte le ciglia più forte che può creando un effetto brezza  marina che dona ancora più glamour ad una situazione già perfetta di suo? Amori estivi: coppia perfetta, amore vero - vero amore... per sempre.

 

Amori estivi: "Ti amo davvero...ti amo lo giuro...". Tutta colpa dei sensi e dell'ipofisi

Complice la canicola, gli amorI estivi sbocciano a suon di tormentoni musicali, feste in spiaggia, falò e “braciate”: ma di chi è la colpa? Beh, del sole e del caldo e delle lunghe giornate piene di luce. La luce, infatti, agisce a livello cerebrale e, attraverso il nervo ottico, colpisce l'ipofisi, una ghiandola per noi importantissima, con la precisione di un laser: stress minore dato dalla vacanza, aumento della serotonina, meno melatonina che fa venir sonno e più ormoni in circolazione fanno scattare l'amore estivo, o meglio, l'ormone estivo. Inoltre, corpi ben in evidenza che si aggirano ovunque per il piacere della vista, odori di pelle, quindi, di pori che emettono feromoni che stuzzicano l'olfatto del sesso opposto, sommati a dopamina e serotonina, sono un mix esplosivo per noi poveri mortali in vacanza. Aggiungi a questo "mare, mojito e fatasia" e... click. Ecco che sul palmare compare una foto simbolo di un amore eterno - eterno amore... per sempre.

 

Amori estivi: amore vero, amore eterno. Ma fino al 31 agosto

Amori estivi: ma il 31 agosto cosa succede? Come mai quella passione lunga una settimana (se ti va di lusso 15 giorni: le vacanze si sono accorciate per tutti) svanisce con la stessa velocità di quel click che l'aveva accesa? "Eppure insieme stavamo benissimo!". Gli amori estivi nascono sulle spiagge del mondo tra uomini e donne che abitano il mondo: distanza, abitudini diverse, forse lui/lei a casa ha qualcuno che aspetta. Nessuno ci crede a quel "Ti amo... ti chiamo!" che il 31 agosto rimbalza di onda in onda. Ma è stato tanto bello crederci per un po'. Separarsi non è semplice, anche quando si parla di un amore che ha scritto t'amo sulla sabbia: anzi, proprio perché è nato in un contesto particolare, lontano da stress, lavoro e impegni, risulta essere così bello che l'addio può essere molto doloroso e, tornati a casa, ci ritroviamo a leccarci ferite che non avevamo calcolato.

 

Il 31 agosto c'è l'ultimo sospiro degli amori estivi. Il primo settembre c'è già quello davanti al capo in ufficio. E tra una pratica e l'altra a volte c'è un bip di un messaggio "È stato bello! Ciao". A volte, dopo anni, qualcuno mette su facebook proprio quella foto lì, e tu non puoi non guardarla con un nostalgico tuffo al cuore e un odore che, come solo l'odore sa fare, arriva diritto dritto alla memoria. Sempre che non ti venga da dire: "Oh! Ma chi è questo?". Ma altre volte arriva un altro sms: "Già mi manchi. Prendo il primo volo e sono da te!".  E qualche anno dopo quella foto la si guarda insieme. Amori estivi: amore vero, amore eterno... come tutte le cose, finché dura.

 

Fonte immagine: photl.com