Gli altri nella nostra crescita personale

Il primo ostacolo di chi inizia un percorso di crescita personale, di chi decide di cambiare in meglio, di chi decide di ottenere dalla vita ciò che desidera, è il giudizio delle persone vicine.
Infatti, quasi sempre, è un giudizio fondato su una critica negativa, un giudizio che tende a frenare se non a distruggere, le motivazioni di chi ha deciso di intraprendere questo cammino.
Se tu sei entrato in questo sito e stai leggendo questo articolo è perché credi nella formazione o che comunque stai cercando qualcosa di più dalla vita e quindi, con ogni probabilità, ti sarai imbattuto in esperienze del genere o conosci qualcuno che ha mollato nel suo percorso di crescita , abbattuto dalle critiche di chi gli sta vicino. Ma perché succede questo?

altri-crescita-personale

Credit foto
©Anna Bizoń / 123rf.com

Ci sono due tipi di persone. Quelle che ambiscono al successo (vedremo in un prossimo articolo cosa si intende per successo) e quelle rassegnate. Le persone che ambiscono al successo sono quelle che decidono di fare nella vita ciò che a loro piace fare e non cercano di soddisfare le aspettative che gli altri nutrono su di loro. Quelle rassegnate sono tutte quelle che fanno le cose che gli altri si aspettano che facciano e quindi non si sentono pienamente felici, oppure non sono felici per niente. Non essendo mai felici veramente e non avendo il coraggio di prendere la decisione di fare nella propria vita ciò che sentono sia giusto fare, acquisiscono la convinzione che non è possibile raggiungere i propri sogni e che non è possibile raggiungere il successo a meno che non si sia figli di questo o di quello, non si abbiano le conoscenze giuste e cose di questo tipo.

 

Le persone che io definisco rassegnate e che ci sono accanto, quando noi intraprendiamo un percorso di crescita personale, tendono a demotivarci per due motivi. Il primo è per amore, in quanto essendo loro timorosi di tutto ciò che è nuovo e diverso dalle abitudini consolidate, temono ciò che di male ci potrà succedere se usciamo fuori dalla nostra zona di comfort. Il secondo è sempre per amore, in quanto inconsciamente capiscono che noi abbiamo il coraggio di fare ciò di cui loro non hanno il coraggio e di conseguenza temono di perderci.

 

Quindi, come dobbiamo comportarci con queste persone quando sentiamo che è l’ora di un cambiamento profondo e di iniziare il nostro viaggio verso la felicità?
1) Ascoltare solo i consigli di chi è disposto ad aiutarci e ci motiva nel nostro percorso;
2) Non cerchiamo di convincere a tutti i costi chi ci critica che ciò che stiamo facendo è giusto e non arrabbiamoci per le critiche in quanto, con ogni probabilità, fino a ieri ci comportavamo nello stesso modo ed inoltre perché non possiamo convincere la gente con le parole ma solamente con i risultati che otteniamo.
Quindi, impegniamoci a fondo e facciamo in modo che siano i nostri risultati a parlare per noi.