Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

Rita Maria Esposito

Rita Maria Esposito

Laureata in Scienze e Tecniche di Psicologia della Salute a Pisa, con votazione 110/110 e lode, e in Psicologia dello sviluppo, dell’educazione e del benessere a Roma, con votazione 110/110 e lode, nel 2015 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Psicologia e Scienza Cognitiva presso l’Università Sapienza di Roma dove, attualmente, frequenta una Scuola di Specializzazione in Valutazione Psicologica e Consulenza.

I suoi interessi di ricerca spaziano dal perfezionismo come caratteristica di personalità al perfezionismo come fattore di rischio di vari esiti psicopatologici sia del singolo individuo che della coppia, fino ai temi riguardanti l’omofobia interiorizzata e l’omosessualità.

Per tre anni ha collaborato all’attività didattica della cattedra di psicologia clinica e psicodiagnostica della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’università di Roma; è conduttrice di un protocollo di intervento psico-educazionale individuale e di gruppo per la riduzione del perfezionismo clinico e psicologa educatrice in un progetto di promozione dei diritti umani e contro l’omofobia promosso nelle scuole del Lazio dall’Associazione Gay Center di Roma e finanziato dalla Regione.

Dal 2015 è iscritta all’Albo degli Psicologi del Lazio.


Articoli

La storia del diritto di voto e dell’eleggibilità in Italia così come nei paesi a noi stranieri fu un percorso lungo e complesso. Nel 1861 questi diritti in Italia erano concessi solo ai cittadini maschi di età superiore ai 25 anni e di alta estrazione sociale, successivamente, nel 1881 il limite di età fu abbassato a 21 anni e fu ammessa non solo l’alta ma anche la media borghesia. Fu solo nel 1921 con Giolitti che l’ammissione al voto fu concess... »

La psicologia delle differenze individuali si occupa di cogliere le diverisità e le somiglianze nei tratti personologici fra le persone. Una novità nell’ambito di questa disciplina è la convinzione che esista un rapporto fra i tratti della personalità, i valori delle persone ed una certa predisposizione verso un orientamento politico piuttosto che un altro. Differenze individuali e preferenze politiche Gian Vittorio Caprara, professore di psicologia alla Univ... »

Il termine “trauma” in greco antico e in medicina indica una ferita o lesione fisica. Quando si parla di Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) non importa se la lesione sia fisica o psicologica. Sebbene in psicologia si parlasse di trauma sin dai prima anni del ‘900, è solo nel 1980 che viene riconosciuta dalla comunità scientifica una specifica categoria diagnostica che racchiude i sintomi che seguono un evento traumatico.   Trauma: fattori pre, peri ... »

Il perfezionismo è un tratto di personalità spesso associata a varie condizioni psicopatologiche come depressione, ansia, disturbi dell’alimentazione, insonnia. Si manifesta su un piano cognitivo attraverso il bisogno di controllare l’incertezza, sul piano affettivo attraverso la paura del fallimento e il senso di valore personale dipendente dal raggiungimento di standard più elevati dalla maggior parte delle altre persone, sul piano delle regole personali att... »

Ormai non vi è più ragione di farne mistero, Pokemon Go entrato ufficialmente in Italia tra il 15 ed il 16 Luglio 2016, è un videogame per smartphone della casa produttrice di giochi virtuali, Nintendo. Passando dal Tamagoci al Nintendo Wii (a cui ammetto di aver giocato da ragazzina) si è arrivati al Pokemon Go. 2 le indubbie novità del nuovo gioco nipponico: la prima è che il gioco può essere portato ovunque essendo sul proprio smartphone; la... »

Sebbene abbiamo largamente parlato e discusso degli stereotipi femminili e delle loro varie pericolosità, non dobbiamo cadere nella fallace credenza che gli uomini ne siano esenti. Ebbene, anche il genere maschile ha i suoi stereotipi con cui, o meglio, contro cui combattere.   Stereotipo maschile e non solo Non crediate che sia cosa facile confrontarsi con ruoli di genere quali coraggio, potere, lavoro, forza, successo, razionalità. Sebbene questi stereotipi possano essere... »

“Un bambino che leggere sarà un adulto che pensa” è una frase che racchiude bene il concetto che ci apprestiamo a spiegare. La lettura ha benefici innegabili di natura psicofisiologica e non solo. Per i ragazzi, leggere è un’attività che può giovare anche secondo altri punti di vista.   I ragazzi e la lettura: il vocabolario Leggere aiuta indubbiamente ad accrescere il proprio vocabolario: i ragazzi che leggono, specialmente libri e te... »

La quarta edizione del Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali (DMS-IV) distingueva tra insonnia primaria e insonnia secondaria. Come suggerisce il nome, nel caso dell’insonnia secondaria, il disturbo del sonno dipende da un’altra condizione, è perciò ad essa seconda. Il disturbo primario in questo caso può essere un altro disturbo del sonno, un disturbo psichiatrico, medico e/o dovuto ad abuso di sostanze. In questa situazione, quella dell&rsquo... »

Passare del tempo davanti alla televisione può essere un’abitudine non sana per varie ragioni. La scatola, ormai sempre più sottile, che sembra metterci in collegamento col mondo, talvolta favorisce l’isolamento e nei teenagers può fungere da sprone per comportamenti alimentari non salutari.   Obesità e televisione: le politiche sociali e le ricerche sul tema Da alcune ricerche è noto che la televisione svolge un ruolo importante nell’... »

Le parole veicolano significati. Ogni lingua ha il suo insieme di parole che esprime e comunica ruoli sessuali. Proprio perché appresi tramite la propria lingua madre, questi significativi veicolati dalle parole sembrano essere immutabili.   Linguaggio e ruolo sessuale Il linguaggio non è un elemento naturale che veicola proprietà intrinseche della realtà, bensì categorie proprie della cultura a cui la lingua appartiene. La lingua consente non solo di ... »

Lo stereotipo è un pregiudizio che serve a interpretare e fare previsioni sulla realtà orientandosi aprioristicamente. Lo stereotipo di genere femminile largamente diffuso nella nostra cultura è quello della donna del focolare: le vengono affibbiati qualità quali accudimento, protezione, dolcezza, purezza d’animo, magnanimità, calore, sensibilità. La sua realizzazione sembra essere nel privato, nella presa in cura della famiglia e della vita dom... »

Le fiabe costruiscono i loro personaggi all’interno di un sistema patriarcale ben definito, così gli stessi personaggi ricoprono ruoli precisi. L’eroina è bella, docile, con i "capelli scuri come l'ebano, la pelle bianca come la neve e le labbra rosse come il sangue" (ricordate Biancaneve?). Lei e la sua bellezza sono spesso vittime di una matrigna, solitamente crudele, perfida e invidiosa della Bella. Così inizia la prima dicotomia tra bellezza e bruttezza. L... »

La parola "stereotipo" deriva dalle parole greco stereos (duro, solido) e tupos (immagine, gruppo), quindi "immagine rigida" e si riferisce a delle rappresentazioni che le persone utilizzano per semplificare la realtà. Quindi da un punto di vista cognitivo hanno l’utilità di rendere più semplice e intuitiva la rappresentazione e la comprensione della realtà. Lo stereotipo associa quindi una serie di caratteristiche e qualità ad un gruppo di persone o o... »

L’innamoramento è un'esperienza comune ad ognuno di noi. Si può immaginare che almeno una volta nella vita ci si sia sentiti innamorati. Quando ci si innamora, dal punto di vista psicologico, subentrano una serie di meccanismi interni che hanno a che fare con l’immagine interna e la rappresentazione mentale della persona di cui ci sentiamo innamorati e della relazione eventuale che abbiamo con essa.   Quali processi nell’innamoramento Uno dei meccanismi co... »

Il dialogo interiore raccoglie tutti i pensieri che una persona indirizza a sé stesso. Attraverso il dialogo ci diamo direttive che guidano le nostre azioni e influenzano la nostra riuscita in determinate situazioni. Ogni volta che pensiamo, ci stiamo intrattenendo in un dialogo con noi stessi e questi pensieri sono in grado di modificare il nostro atteggiamento nelle circostanze, infondendo coraggio o inducendo rassegnazione.  Alcuni esempi di dialogo interiore sono “Andr&a... »

1 di 5