Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

Milena Rota

Milena Rota

Milena Rota è Dott.ssa in Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia. Tirocinante presso il Centro Elpis di Ispra (Varese) studio multidisciplinare specializzato nella diagnosi e cura di disturbi della sfera evolutiva (disturbi del comportamento, apprendimento, ecc.), psicoterapia per bambini ed adulti, trattamento psicomotorio, pedagogico, logopedico, educativo e osteopatico.

Collabora con una cooperativa offrendo servizi educativi e di sostegno a bambini e ragazzi con problematiche comportamentali, di apprendimento o disagi di diversa natura legati alla sfera evolutiva.

Svolge attività di allenatrice con bambini dai 2 ai 7 anni seguendo un programma per lo sviluppo psico-motorio e relazionale.

Ambiti di maggiore interesse sono legati alla psicologia clinica e dello sviluppo con particolare attenzione alle problematiche legate all’età evolutiva.


Articoli

  Il contesto influenza l’agire di ognuno di noi. Questa è una verità ben assodata e soprattutto evidente in molte circostanze. Il comportamento assunto in casa è diverso da quello tenuto in ufficio o al lavoro, al supermercato, per strada, in un bar, in un ambiente bello e profumato o in uno sporco e maleodorante. Le condizioni ambientali in qualche modo avvalorano e giustificano le modalità di azione e la predisposizione mentale ed emotiva associate ad... »

Il neuropsichiatra infantile è una figura professionale che opera nel settore pubblico e privato con bambini e adolescenti, quindi prendendo in esame la fascia dell’età evolutiva dalla nascita fino al compimento della maggiore età. La formazione di stampo medico permette ai professionisti di indagare aspetti neurologici e organici oltre ad aspetti prettamente psichiatrici, offrendo un quadro maggiormente completo e arricchente specialmente all’interno di un&rs... »

Intervista a Maria Cristina Cattaneo

La mindfulness è una tecnica che permette di raggiungere la piena consapevolezza di sé portando l’attenzione al momento presente, in modo non giudicante e intenzionale (Jon Kabat-Zinn). Rientra comunemente nelle tecniche di meditazione che permettono di vivere il qui e ora con consapevolezza e pienezza, senza farsi travolgere dagli impegni quotidiani e dagli innumerevoli stimoli della realtà. Difficilmente la meditazione viene considerata adatta e possibile con i ba... »

Bullo e leader sono spesso confusi e l’utilizzo dei termini avviene senza discriminazione e consapevolezza delle differenze. Sono due condotte e ruoli apparentemente molto simili poiché volti ad orientare e dirigere il comportamento di altri individui, verso una meta o scopo desiderano, tuttavia ciò avviene attuando strategie e modalità molto differenti. La distinzione già di per sé complessa, lo è ancor di più nei bambini. Le caratterist... »

La società moderna richiede alle mamme di essere un perfetto genitore, una brava moglie, un’eccellente casalinga e perché no anche una donna in carriera e una figlia attenta e premurosa. Anche agli uomini sono avanzate richieste simili ma con meno stereotipi e pregiudizi che riducono la pressione sociale e l’angoscia generata. Ecco che è sempre più probabile vedere mamme stanche, affannate tra vita privata e famiglia e timorose di non riuscire ad arriva... »

"Mi assumo le mie responsabilità”, “Come posso fare per uscire da questa situazione?” o ancora “Cosa posso fare per migliorare il mio rapporto di coppia?”, ecc.  questi sono solo alcuni esempi di chi assume un atteggiamento proattivo. La capacità di assumersi le responsabilità delle proprie scelte, delle azioni e delle conseguenze, essere consapevoli del proprio ruolo nel determinare le circostanze, agendo un controllo diretto sui d... »

Pensando al lavoro pochi riescono a immaginare un suo collegamento con l’emotività. Nel tempo, il contesto lavorativo è stato segnato da principi quali razionalità, organizzazione, precisione, puntualità, freddezza e controllo dei vissuti personali e produttività. Tutti aspetti che lasciano poco spazio alle emozioni che invece sono viste come ostacolo alla buona condotta lavorativa e al successo aziendale. Recentemente in campo psicologico sono so... »

Smart working, lavoro agile, televoro: nomi diversi per definire una tendenza che prende piede: abbandonare la vecchia idea di cartellno e delle 8 ore canoniche per venire incontro a nuove esigenze professionali sfruttando la tecnologia. La realtà sociale e lavorativa sta cambiando e con essa si modifica il modo di lavorare annullando le distanze e ridefinendo il tempo dedicato al lavoro. Molte aziende si stanno concentrando sullo smart working nell'organizzazione del lavoro dei p... »

Organizzare le attività quotidiane sembra un’impresa quasi impossibile. Districarsi con successo tra lavoro, famiglia, casa, imprevisti, hobby e richieste di vario genere non è una cosa facile e porta spesso a insuccessi e fallimenti. Ecco allora che dal voler essere wonder woman o superman ci si ritrova a vivere uno stato di frustrazione, stanchezza eccessiva, stress e nervosismo nonché ad essere inefficienti al lavoro e disattenti ai bisogni propri e delle persone... »

La comunicazione assertiva è la capacità di comunicare in modo chiaro, onesto ed efficace garantendo lo sviluppo di buone relazioni sociali. Si associa alla soddisfazione di alcuni diritti fondamentali come la possibilità di dire no, di esprimere le proprie opinioni, disapprovazioni, desideri e sentimenti nel rispetto altrui, non sottostare passivamente alla realtà esterna ma esserne partecipe attivamente, rifiutare una richiesta e ridurre l’insoddisfazione e... »

Il deficit di attenzione e iperattività (ADHD) permane anche nell’età adolescenziale (e poi adulta), manifestandosi diversamente rispetto all’infanzia. L’adolescente ADHD vive gli stessi cambiamenti dei coetanei ma con una maturità emotiva e sociale differente che può causare problematiche relazionali, emotive, scolastiche e famigliari.   Adolescente ADHD e cambiamento La pubertà, momento già complicato per ogni adolescente alla... »

A tutti, forse da bambini ma anche più tardi, sarà capitato di giocare alla ricerca di forme, animali, volti o oggetti, nelle nuvole, o attribuire una forma ad un oggetto informe o ancora scovare un’immagine nella schiuma del cappuccino. Questi solo alcuni degli esempi di un fenomeno comune all’essere umano definito dalla scienza Pareidolia.   Pareidolia: definizione La Pareidolia è un processo cognitivo che consiste nell’attribuire una forma defini... »

“In questo posto non mi sento a mio agio” oppure “Questo luogo mi fa sentire protetto, dona serenità e mi fa sentire come a casa”. Quante volte avrete detto o sentito frasi come queste che esprimono un sentimento di disagio o al contrario benessere in relazione ad un ambiente, un posto specifico? È frequente avere luoghi preferiti e altri poco apprezzati, amare il mare o la montagna, apprezzare case semplici piuttosto che ville maestose e quindi vivere se... »

La noia è il più acerrimo nemico della società odierna. Non è possibile trascorrere del tempo a fare nulla, a guardarsi semplicemente intorno e contemplare il vuoto, in poche parole annoiarsi, o si rischia di essere etichettati come nullafacenti, svogliati e incapaci di raggiungere successo e prestigio. La nostra mente è ormai allenata a scacciare la noia riempiendo le giornate con un’infinità di attività, spesso anche poco appaganti e so... »

Il termine quoziente intellettivo è diventato di uso comune e sempre più spesso spopolano sul web notizie scarsamente verificate rispetto alla sua natura e alla possibile influenza da parte di particolari stili di vita e condotte. Tra gli esperti viene definito come il rapporto tra età mentale ed età cronologica (moltiplicato per 100) e indica il livello cognitivo di un individuo rispetto a parametri medi, quindi il livello di intelligenza. È una caratterist... »

1 di 5