Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20913
Religiosità

Il filosofo Martin Buber distingue fra "religiosità" e "religione": la religiosità è il sentimento umano che si rinnova perennemente in espressioni e forme diverse, un sentimento "materiato di stupore e di adorazione dell’esistenza di un assoluto". La religiosità è il principio creativo, mentre la religione è quello normativo. La religione è infatti un prodotto culturale, è un insieme di dottrine, precetti, divieti, concetti, insegnamenti di uomini. Per Norberto Bobbio la religiosità era una forma di devozione: "Avere il senso dei propri limiti rispetto alla grandiosità dell’universo".

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Religiosità

Non ci sono co-operatori per Religiosità. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

La religiosità è un bisogno ben radicato dell'uomo che lo spinge a scontrarsi con domande che riguardano ciò che è fuori dalla sua portata. Il significato dell'esistenza e della vita per molte persone non può essere ricondotto esclusivamente alla durata della propria permanenza sulla terra e quindi viene estesa al senso dell'intera umanità. Allora perché la religiosità può spingere al pregiudizio e all'esclusione invece che alla t... »

Di Francesca Cilento

La psicologia si occupa di religione in quanto bisogno fondamentale dell'uomo per conferire senso alla propria esistenza. Esistono molti modi di sentire il rapporto con l'Assoluto e una distinzione interessante è quella che propone Gordon Allport, massimo esperto di personalità. Il sentimento religioso secondo Allport nasce dai limiti che l'individuo avverte nella propria vita, anche di tipo temporale, e nella necessità di unificare gli eventi della propria esistenza atto... »

Di Francesca Cilento

L'orientamento religioso è un oggetto di indagine fondamentale per l'essere umano in quanto mira a comprendere come viene vissuta una delle esperienze fondamentali per rispondere alle domande esistenziali che riguardano la nostra vita. Come e perché rispondiamo in modo tanto diverso a queste esigenze? Una prima differenza riguarda la fonte della molla che ci spinge verso la religione; ecco allora cosa significa una religiosità intrinseca.   Religiosità: una qu... »

Di Francesca Cilento

Nonostante i giorni delle crociate siano lontani, nuove guerre sante (non trovate anche voi che queste due parole stonino insieme?) si susseguono. Le notizie al telegiornale in questi giorni si stanno nuovamente moltiplicando e si comincia a parlare soprattutto dei fondamentalisti italiani che abbracciano una nuova fede. Ma cosa ci porta a scambiare la tensione verso l'assoluto con la spinta a farlo prevalere ad ogni costo? Perché alcuni di noi restano imbrigliati nell'estremismo relig... »

Di Francesca Cilento

Per ora la notizia è solo accennata e lo studio sembra ancora in corso, certo è che ha del paradossale pensare ad un gruppo di persone – in questo caso di fede mormona – che si riuniscono a pregare… in un tubo di risonanza magnetica! Questo il sito “sperimentale” che permetterà ai ricercatori Jeff Anderson e Julie Korenberg, dell'università dello Utah di rilevare le modificazioni cerebrali che avvengono durante l’attività... »

Di Cristina Rubano

Il tema della libertà religiosa, sebbene parta dalla sfera spirituale non si risolve assolutamente in essa. Gli scontri basati (e/o giustificati) dall'incompatibilità religiosa sono all'ordine del giorno. Qualcuno di noi è nato con questi scontri in corso e chissà se ne vedrà la fine. Il problema è ben più grave di quanto ci si possa immaginare. Secondo la rivista Panorama, i paesi con un livello almeno di medio rischio per la violazione della ... »

Di Francesca Cilento

Halloween è, nell’immaginario comune, una festa consumistica, importata dagli USA e, come tale, estranea alle nostre tradizioni religiose. Tradizioni, quelle di casa nostra, che mal si accordano, secondo alcuni, ai simboli occulti e ai tratti un po’ satanici di cui la “notte delle streghe” si ammanta… Un’opposizione fra spiritualismo e consumismo, fra religione e magia nera? In realtà, le origini e i significati della festività di Hall... »

Di Cristina Rubano

Il vissuto religioso è una tematica che è molto interessante per la psicologia perché si tratta di una prospettiva esistenziale che è in grado di influenzare molti aspetti del benessere psicologico. Come per molti altri comportamenti, anche in questo caso la moderazione è la via preferibile: cosa succede quando ci facciamo prendere dall'autoritarismo religioso?   Così l'autoritarismo religioso? Il fondamentalismo religioso che oggi viene identifi... »

Di Francesca Cilento

Quello che interessa, per uno studio psicologico, psicosociale e psicoanalitico dei fenomeni religiosi, è il ruolo che la diffusione, accettazione o rifiuto (nell’ateismo e agnosticismo) di tali credenze ha nell’evoluzione dell’identità sociale e individuale in senso sia normale che patologico. Di religione la psicologia si è occupata fin dai suoi albori là dove lo stesso Wundt, padre della moderna psicologia sperimentale, ne riconosceva l’i... »

Di Cristina Rubano

Battesimi, comunioni, matrimoni, festività importanti: sono solo alcuni momenti particolari in cui si vive in famiglia l’aspetto religioso. E poi? E poi il tempo manca: nella crisi contemporanea, tra separazioni, angoscia economica, mancanza di comunicazione, forti conflitti con i figli, la fede non viene più coltivata in famiglia e con essa la trasmissione dei valori religiosi. I genitori spesso hanno altri pensieri per la testa e, anche se a volte intuiscono che la fede ... »

Di Laura Gazzella

Per arrivare ad una fede consapevole è necessario imboccare una strada che convinca. I giovani oggi sono molto interessati ai temi della fede, ma questo sempre meno si associa ad un’appartenenza religiosa specifica. Essi cercano un dialogo aperto, ma troppo spesso non lo trovano, cercano risposte concrete, ma troppo spesso ne hanno di semplicistiche e i giovani non si accontentano, sono scettici, vogliono spiegazioni credibili, vogliono conoscere. La fede molto spesso non riesce ... »

Di Laura Gazzella

Per fanatismo religioso si intende un’adesione irrazionale, esasperata e incondizionata ad un credo religioso in cui ci si riconosce in maniera così totalizzante da difendere assolutisticamente le proprie posizioni mostrando estrema intolleranza verso idee o modi di essere differenti. In tal senso in fanatismo è un atteggiamento che può esprimersi in qualunque attività o contesto umano, ma che trova nella religione sen’altro una delle sue più gr... »

Di Cristina Rubano

Diversi studi sembrano ormai evidenziare un legame tra fede e longevità e, più in generale, tra religiosità, salute e benessere psicologico. Vari sono i fattori attraverso i quali la fede e un credo religioso attutiscono l’impatto di eventi stressanti consentendo di dare un senso al mondo, usufruire di sostegno sociale da parte di una comunità, ridefinire positivamente le difficoltà della vita come occasioni di crescita e cambiamento spirituale.  ... »

Di Cristina Rubano

Un’ampia massa di ricerche suggerisce che, in confronto alle persone religiose, chi non ha un credo ha meno probabilità di essere sano e felice  e tenderebbe a perdere almeno sette anni di vita. Da crederci? Parecchi studi condotti su larga scala hanno confermato la stessa cosa: più ci si impegna in attività religiose e meglio si sta. Saranno doppiamente felici per questa notizia tutti quelli che si stanno già preparando alla Pasqua. Ma se credere rende ... »

Di Laura Gazzella

"Dio è morto, Marx è morto e anch'io non mi sento tanto bene" recitava proverbialmente Woody Allen ironizzando sul progressivo crollo moderno e postmoderno delle Istituzioni e delle Ideologie politiche e religiose che in passato avevano da sempre guidato il pensiero, il sentire, le scelte e la visione del mondo dell'uomo occidentale.   L’uomo moderno fra sacro e profano L'uomo-individuo figlio della modernità guarda a valori individualisti e laici simpatizzando... »

Di Cristina Rubano

1 di 2

Scarica flash player