Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

Giulia Mariotti

Giulia Mariotti

Psicologa, criminologa, esperta in valutazione cognitiva e neuropsicologica, si è laureata nel 2008 in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione discutendo la tesi “Adozione internazionale e scuola: la formazione del personale scolastico”. È nata il 10 maggio del 1983, a Pescia, piccola cittadella alle porte di Montecatini Terme. La sua passione per la psicologia della famiglia è sbocciata durante il tirocinio svolto presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze. In seguito ha fatto esperienza con il mondo dell’handicap presso l’ASL 3 di Pistoia. Oggi è una psicologa libera professionista e svolge attività di sostegno e supporto psicologico a bambini e adulti. Fa parte dello staff di Po.St.It, Postazione anti Stalking di Pistoia e conduce “percorsi di promozione e arricchimento del legame genitoriale” rivolti ai genitori del Circolo Didattico del Comune di Montecatini Terme. È consulente di parte in cause civili. È docente presso un’agenzia formativa di Pistoia.


Articoli

Negli ultimi anni abbiamo visto nascere moltissimi progetti per gli anziani. Associazioni, cooperative sociali o professionisti della salute solitamente prendono l’iniziativa e si mettono al lavoro pensando a come fare per far sentire meno soli o per rendere attivi gli anziani che vivono nelle città. I progetti possono essere sociali, legati quindi alla socializzazione, all’interagire con gli altri; sanitari, svolti per lo più in strutture specificatamente adibite al... »

Conosciuta anche con il termine di kenofobia, la fobia del vuoto riguarda una paura ingiustificata sia dei luoghi o degli spazi vuoti sia dei vuoti più profondi, quelli dell’anima. Nel caso la fobia riguardi i luoghi e gli spazi, la persona arriva ad avere difficoltà nell’autocontrollo e nell’equilibrio provando un gran senso di vertigine, mentre nel caso della paura del vuoto interiore, dell’anima, c’è il timore di lasciarsi andare di fronte... »

Quando si parla di mobbing si fa riferimento a tutte quelle azioni di violenza e persecuzione psicologica che le persone subiscono sul posto di lavoro. In particolare ci occuperemo di chi ha scelto di fare dell’Arma la propria professione, quindi militari e forze dell’ordine in generale, che si trovano a fronteggiare e combattere un nemico molto subdolo e pericoloso: il mobbing nell'esercito. Purtroppo, in Italia, il mobbing sembra essere un fenomeno in forte crescita tra i nostri... »

Anche nota con il termine di rupofobia, la fobia dello sporco è la continua e persistente paura di entrare in contatto con batteri, germi e con lo sporco in generale. Da non confondere con l’eccessivo scrupolo che alcune casalinghe dimostrano nell’attività giornaliera durante la pulizia della loro casa, questa è una vera e propria patologia. Nelle persone che ne soffrono il solo pensiero di entrare in contatto con qualcosa di sporco provoca ansia e disagio tan... »

Il concepimento, l’attesa e infine la nascita di un figlio sono tutti momenti molto particolari nella vita di una coppia, ancor più per la donna che porta in grembo il piccolo. Siamo abituati ad associare al termine gravidanza sensazioni positive, speranze e felicità per una nuova vita che si sta generando. Ma questa non è l’unica possibilità. Molto più spesso di quanto si creda la donna vive la gravidanza con tristezza presentando dubbi, paure, ... »

Il trend che le statistiche, ormai da qualche anno, ci mostrano è quello per cui le coppie italiane scelgono sempre più di avere un figlio unico. Complice forse la precarietà del lavoro e delle relazioni in generale, sembra esserci maggior timore a mettere al mondo più di un figlio, togliendo così la possibilità di sperimentare cosa vuol dire avere un fratello o una sorella. È importante ricordare, invece, che sono i rapporti cosiddetti “... »

Educare a gestire i soldi: una cultura responsabile Quella di oggi è una società improntata soprattutto sulla logica del consumismo, basata sul potere e sul successo. Il rischio è quello di improntare anche gli affetti e le relazioni su questo tipo di meccanismo. Molti genitori, infatti, si interrogano su come educare i propri figli a gestire i soldi, come fare a trasmettere determinati valori quali il sacrificio, la pazienza e la responsabilità, passando il messag... »

In una società dove tutto sembra poter esser previsto e controllato è invece ancora molto presente, soprattutto tra le giovanissime, la cosiddetta “gravidanza inattesa”. Vengono definite con il termine ragazze madri le giovani donne in attesa di un bambino che vengono abbandonate dal compagno o che rimangono incinte di un partner occasionale. I motivi dell’abbandono da parte del partner possono essere molteplici: giovane età, irresponsabilità, abu... »

Ogni anno aumentano sempre più le separazioni e i divorzi e con essi si modificano anche gli stili di vita, compresa l’organizzazione delle vacanze. Nel giro di pochi anni le famiglie monoparentali sono infatti divenute una realtà molto diffusa ed è molto facile incontrare genitori senza un compagno al loro fianco. Così organizzare le ferie può diventare davvero complicato perché il genitore single si trova alle prese con i desideri dei propri f... »

Un tipo di gelosia molto frequente tra i piccoli è quella che si manifesta tra fratelli o sorelle che entrano in una vera e propria competizione pur di essere considerati meritevoli di amore e di attenzione da parte dei genitori. Riguarda sia fratelli che sorelle, di età diverse o gemelli, anche se sembrano essere maggiormente a rischio i bambini nati per primi perché dopo aver sperimentato un periodo in cui erano unici agli occhi dei genitori poi si sentono messi da part... »

Negli ultimi anni sono nate moltissime associazioni dei padri separati per rivendicare il diritto di essere genitore dopo la separazione dalla compagna. La fine di un matrimonio o di una relazione amorosa non si esaurisce mai del tutto se vi è la presenza di figli. La vita cambia, le abitudini quotidiane devono trovare nuove vesti ma ciò che rimane invariato è il ruolo genitoriale che la persona ricopre nonostante la fine del rapporto col proprio partner. Si è gen... »

Per mobbing orizzontale si intende quella serie di atti e comportamenti attuati, in maniera volontaria e costante, dai propri colleghi di lavoro, quindi da persone che ricoprono lo stesso livello di potere della vittima. Calunnie, dispetti, spregi, pettegolezzi sono soltanto alcuni esempi. C’è poi la tattica dell’evitamento che relega la povera vittima prescelta ai margini delle attività aziendali, escludendola da tutte le scelte e da tutte le relazioni interpersonal... »

Si parla di mobbing verticale o bossing quando si fa riferimento alle vessazioni, psicologiche e non, esercitate sul posto di lavoro da una persona che ricopre una posizione gerarchica superiore rispetto a quella della vittima. Tali condotte non sono, quindi, attuate da colleghi di lavoro bensì da un superiore, come ad esempio il proprio capufficio, dirigente, quadro o manager al quale il lavoratore è sottoposto. Un tipico esempio di mobbing verticale è l’abuso di p... »

La dipendenza affettiva viene oggi annoverata tra le cosiddette New Addictions insieme ad altre forme di dipendenza, come ad esempio quella da internet, da gioco d’azzardo o da shopping compulsivo, caratterizzate dal fatto che la persona non ha un problema con una specifica sostanza ma piuttosto con un qualcosa di non tangibile.   Dipendenza affettiva: dal bisogno d'affetto alla condizione relazionale negativa Come sostenne Maslow, il bisogno di affetto rientra tra i bisogni fondam... »

Estate è sinonimo di svago, allegria, tempo di vacanze lontano dai soliti ritmi frenetici e dal lavoro. Per molti, infatti, significa fuga dalla città alla ricerca di luoghi per rilassarsi e divertirsi. Purtroppo non è così per tutti. Spesso per gli anziani l'estate significa dover fare i conti con la solitudine. Chi è ormai solo, e non ha più un compagno con cui condividere le giornate, in questo periodo dell’anno non può nemmeno pi&ugra... »

1 di 3