Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

NONNI: SE NON CI FOSSERO ANDREBBERO INVENTATI

I nonni sono un bene prezioso per la famiglia e soprattutto per i loro nipoti perché sono compagni nelle difficoltà della vita e buoni complici. Vediamo come valorizzare questa presenza sempre più necessaria per i genitori di oggi.

 

I nonni sono molte volte un tesoro prezioso che va custodito e curato con la massima cura, altre volte invece sono figure assenti, poco coinvolte nelle dinamiche della famiglia dei propri figli e nipoti, per scelta propria, di altri o per situazioni createsi nel tempo.

Quello che però è importante sottolineare che in caso di buon coinvolgimento con la vita dei nipoti e un buon rapporto con i propri figli, si possono avere effetti positivi sia per l’anziano che per le nuove generazioni.

 

Il ruolo dei nonni nella nostra società

In una realtà in cui il lavoro assorbe la maggior parte del tempo, le mamme sono costrette a rientrare dalla maternità dopo pochi mesi dalla nascita del bambino, il sistema di welfare non riesce a rispondere adeguatamente a tutte le esigenze di una nuova famiglia e i costi sono elevati, i nonni possono essere un’ottima risorsa.

Oggi infatti molti anziani sono chiamati a occuparsi dei nipoti per la maggior parte del tempo durante la giornata: li prendono all’uscita da scuola, li portano a fare sport, a catechismo, a musica e spesso anche alle feste degli amichetti o alle visite mediche.

Sono una sorta di “sostituti” dei genitori nella gestione pratica di bambini e ragazzi, e un ottimo aiuto per i propri figli, assorbiti nella quotidianità dal lavoro e impegni.

Non sempre tuttavia questo punto di riferimento e aiuto è possibile. Ci possono essere nonni che ancora lavorano, vista anche l’elevata età pensionabile dei nostri giorni, nonni con difficoltà e malattie, nonni lontani ma anche non disponibili e poco interessati al benessere dei loro nipoti.

 

Leggi anche Il part time per concilire il lavoro e la famiglia >>

 

Nonni custodi della cultura e donatori di tempo.

Accanto all’aspetto pratico dell’essere nonno a tempo pieno, vi sono fattori molto più profondi. In primo luogo i nonni cono detentori della cultura, dei valori della tradizione e del sapere e spesso trascorrono momenti con i nipoti a raccontare storie del passato, aneddoti sui propri figli, ora genitori del loro piccolo interlocutore, a mostrare trucchi del vivere quotidiano, mestieri di un tempo, attivando con i nipoti il contatto con la tradizione, la propria storia e la semplicità.

Sono inoltre donatori di tempo. Non avvolti dalla frenesia del lavoro, come i genitori, possono trascorrere ore e giornate intere dedicandosi completamente al nipote, a fare qualcosa insieme, a parlare, ridere e scherzare, confidarsi, commuoversi…

Questo è un dono prezioso per bambini e ragazzi, oggi poco abituati a ricevere del tempo dai genitori in modo genuino e attento, privo di altre priorità ed esigenze.

Questi momenti veri e unici permettono ai giovani di sperimentare abilità relazionali, vivere emozioni, sentimenti e mostrare anche aspetti di sé deboli e in difficoltà, ricevendo ascolto ed empatia. Sono esperienze importanti nella crescita emotiva e sociale di un individuo e vanno valorizzati e incrementati.

 

Nonni e nipoti un rapporto speciale

Il rapporto tra nonni e nipoti è speciale e diverso per modalità e intensità da quello con i genitori. Nella gestione dei nipoti sono chiamata ad educarli e far rispettare le regole, i valori e i principi che devono essere quelli definiti dal genitore del bambino e del ragazzo, al fine di mantenere una linea educativa comune e una differenziazione dei ruoli.

Tuttavia, pur rispettando questo ruolo e responsabilità, i nonni spesso sono coloro che concedono maggiormente, viziano e si concedono con il nipote qualche piccola trasgressione. Questo, ovviamente nei limiti, è utile a creare un rapporto fatto di complicità, reciprocità e fiducia, importante per entrambi.

I nipoti confidano ai nonni cose spesso nascoste anche ai genitori, trovando nell’anziano rispetto e supporto che a sua volta può confidare piccoli “segreti”, generando un clima sereno, nella consapevolezza di non essere traditi.

Sono quindi confidenti, amici, condividono momenti di gioco, di svago e di spensieratezza ma anche punti di riferimento molto importanti e unici. Non possono e non devono sostituire i genitori ma donano ai nipoti e all’intera famiglia sicurezza, protezione e un porto sicuro in cui rifugiarsi e in cui trovare supporto nelle diverse fasi della vita.

I nonni se non ci fossero andrebbero inventati perché sono una risorsa importante per la crescita dei nipoti, per la loro serenità, per il raggiungimento della maturità e dell’autonomia, per il senso di responsabilità e dei valori. Ma non di meno sono punto di riferimento fondamentale per i genitori e una risorsa per la società intera.

“E quindi…Mi tengo stretto addosso i tuoi consigli ” (Nonno Hollywood, Enrico Nigotti)

 

Leggi anche Conflitto tra genitori e nonni, come gestirlo >>

 

Foto: Cathy Yeulet / 123rf.com

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: