Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20581
La memoria

La memoria è una delle principali funzioni della mente, il cui scopo è conservare informazioni e richiamarle di fronte a una qualche sollecitazione. Le fasi principali nell'elaborazione della memoria sono tre: la codifica, l'elaborazione delle informazioni ricevute; l'immagazzinamento, la creazione di registrazioni permanenti delle informazioni codificate; e il richiamo, il recupero delle informazioni immagazzinate. Per mantenere una buona memoria è essenziale il riposo.

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | La memoria

Non ci sono co-operatori per La memoria. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

Avete mai pensato alla possibilità che la memoria non sia solo quella scatola nera del nostro cervello, custode dei souvenir della nostra vita, ma che esista una memoria che ve ben oltre il ricordo cosciente? Non sto parlando di memoria olfattiva, sensoriale, memoria che richiama coscientemente un ricordo, ma mi sto riferendo alla memoria cellulare. La teoria sulla memoria cellulare dice sommariamente questo: le nostre cellule, ogni singola cellula del nostro corpo, sembrerebbero conte... »

Di Marica Fattiroso

Memoria ed emozioni: quanto e come sono collegate? I brutti ricordi si potranno mai cancellare? Nel corso della VII conferenza The future of science tenuta a Venezia sarebbero stati presentati alcuni studi preliminari che evidenziano le componenti ormonali necessarie a “montare” un ricordo e a fissarne quindi le componenti emotive nella memoria a lungo termine. Tale struttura potrebbe venir rafforzata (nel caso nei deficit mnestici dell’Alzhaimer) o indebolita per cancellare... »

Di Cristina Rubano

La creatività, lo affermano tutte le più recenti teorie e ricerche sulla mente umana, è una risorsa cognitiva fondamentale, essa tuttavia si nutre allo stesso tempo della memoria e dell’intelligenza o, meglio, della capacità di utilizzare in modo intelligente ciò che si è appreso permettendoci di applicarlo creativamente per adattarci alle più diverse circostanze (Mario Polito, Guida allo studio. La Memoria, 2002). Le mnemotecniche hanno... »

Di Cristina Rubano

Nel film Limitless Eddie, uno scrittore in crisi, cambia la sua vita grazie a una pillola prodigiosa che amplifica in maniera abnorme le sue capacità mnemoniche così che egli è in grado di richiamare alla mente e utilizzare efficacemente qualunque tipo di informazione con cui sia entrato in contatto anche solo fugacemente nell’arco della sua vita… Semplicemente fantascienza? La psicologia della memoria lo conferma.   Psicologia della memoria e selezione ... »

Di Cristina Rubano

Capita spesso che di un libro o di un evento riusciamo a ricordare solo le parti o i momenti che ci hanno emozionato di più. Non è un caso: il nostro cervello si attiva di più quando un’esperienza ci coinvolge emotivamente. È per questo che ricordiamo più facilmente un personaggio in cui ci siamo immedesimati o i dettagli del nostro primo bacio. Questo non significa che non possiamo imparare a memorizzare e ricordare anche testi di studio o nozioni che... »

Tutte le attività della nostra vita, da quelle quotidiane a quelle automatiche, necessitano delle risorse cognitive, tra cui memoria e concentrazione. La memoria permette sia di recuperare informazioni utili sia di lavorarci hic et nunc, mentre la concentrazione evita che elementi esterni impediscano di interferire con il compito in corso. Memoria e concentrazione sono legate tra di loro è quindi utile comprendere cosa possa causarne un deficit.   Memoria e concentrazione: ... »

Di Francesca Cilento

Spesso si ritiene che imparare molte nozioni e avere una buona memoria sia la chiave per il successo scolastico. La memoria senza metodo non basta! Studiare non significa immagazzinare, ma ritenere informazioni, comprenderle, organizzarle per poi saperle usare sapientemente e in modo autonomo. Quali sono le tecniche utilizzabili?   Memoria e metodo di studio La memoria da sola non basta e deve quindi essere supportata da un buon metodo di studio. Cos’è il metodo di studio? I... »

Di Francesca Cilento

Il declino cognitivo porta ad un aumento delle difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane aumentando anche i rischi fisici, ecco perché è fondamentale fare un po’ di ginnastica mentale. Con l’invecchiamento della popolazione la geriatria ha compiuto molti sforzi soprattutto per consentire una migliore qualità della vita attraverso la prevenzione e non solo la cura. A questo sforzo si è affiancata una visione olistica che sott... »

Di Francesca Cilento

Il Morbo di Alzheimer è una patologia degenerativa del sistema nervoso che nei suoi stadi iniziali può essere facilmente confusa con la più diffusa demenza senile (normale peggioramento delle funzioni cognitive). Questa malattia è dovuta alla degenerazione dei neuroni siti in una particolare zona del cervello, inizia con una lieve perdita di memoria per poi evolversi in un declino fisico e psichico irreversibile. La durata media è dai 7 ai 10 anni anche se u... »

Di Francesca Cilento

La perdita della memoria è una delle prime funzioni cognitive che viene intaccata negli anziani. Generalmente si pensa che questo percorso coincida con una graduale diminuzione delle capacità mnestiche, ma diverse ricerche dimostrano che esistono delle spiegazioni alternative.   Secondo uno studio dell’Università di Glasgow giovani e anziani differiscono nella capacità di percepire un volto che con l’età diminuisce. Questo gruppo di neurosci... »

Di Francesca Cilento

Memorizzare velocemente concetti ed immagini, nella vita come nel lavoro, sta diventando una necessità sempre più impellente.  Ricordare facilmente delle cose importanti migliora i tempi di apprendimento e rende più conciliabile la gestione degli altri impegni quotidiani.   La memoria di solito è molto efficiente in età giovanile e comincia a subire i primi contraccolpi con l’avanzare dell’età, ma non sempre la crescita anagrafic... »

Di Rosalba Mancuso

Memoria e memorie Esistono svariati tipi di memoria. Il termine stesso - di origine greca - si riferisce ad una attività che ha a che fare con tecniche di ricordo e di immagazzinamento di informazioni. Essendo queste ultime di diversa entità (es. sonore-uditive, verbali-linguistiche, visive, olfattive e manuali) si inferisce che i canali stessi di immagazzinamento di queste diverse forme di informazioni siano diversi e facciano rifermento a centri cerebrali diversi; i quali poi ... »

Così come esistono diversi tipi di intelligenza, esistono vari tipi di memoria, divisi per ambiti e specializzazioni.   I tipi di memoria più significativi sono 1) Memoria procedurale o implicita: è la memoria contenuta nei comportamenti e che riguarda sia i comportamenti appresi (guidare l’automobile, sciare, nuotare, andare in bicicletta) sia gli schemi emozionali relazionali, legati alla struttura del carattere e tendenti a ripetersi nel tempo. 2) Memoria se... »

Migliorare la memoria con piante ed erbe Tra i rimedi per migliorare la memoria, la fitoterapia e la medicina tradizionale cinese suggeriscono il panax ginseng, chiamato anche ginseng coreano, radice della vita o fenice coreana. Come si capisce dal nome, si tratta di una pianta di origine asiatica. Il nome latino, Panax, ricorda Panacea, che nella mitologia greca era la personificazione della guarigione universale e onnipotente. Esiste il ginseng rosso e quello bianco. È un potente ene... »

Memoria e mnemonisti celebri La memoria è una delle più complesse tra le funzioni cerebrali umane. Sappiamo che il cervello codifica le informazioni e le trasforma in ricordi attraverso l’ippocampo: ma come avvenga questo processo e dove vengano conservate le sollecitazioni ricevute rimane un mistero. Come lo è il perché alcune persone perdano la memoria e altre, rare, ricordino tutto. Una di queste è senz’altro Gianni Golfera, noto mnemonista. ... »

2 di 3

Scarica flash player