LO ZAZEN, GINNASTICA SENZA MOVIMENTO

Esercizi pratici di zazen, antica forma di meditazione buddista giapponese

Gli esercizi di meditazione zen (o “zazen”, traducibile come “meditazione da seduti”) possono aiutarti a sgombrare la mente e, almeno per un po', allontanare le tensioni del vivere quotidiano. Basta qualche minuto al giorno. A volte ci dimentichiamo di quanto sia facile amarci un po' di più…

 

Prima di tutto, l’ambiente e i vestiti

Scegli un posto tranquillo, silenzioso, con una temperatura né troppo calda né troppo fredda. È meglio indossare abiti comodi, larghi, che ti permettano di muoverti liberamente. I piedi invece devono essere scalzi.

 

Gli accessori della meditazione zazen

Lo zazen, dicevamo, è la “meditazione da seduti”. Per mantenere la giusta posizione, scegli un cuscino consistente, meglio ancora se è uno zabuton o uno zafu, i tipici cuscini da meditazione utilizzati nella casa tradizionale giapponese: lo zabuton è rettangolare o quadrato, ampio (le misure sono di 76x71 cm circa se rettangolare o di 50x70 cm se quadrato) e non troppo spesso, mentre lo zafu è un cuscino rotondo e morbido, le sue misure sono tra i 35 cm di diametro e i 20 cm di spessore. Puoi comprare il cuscino per la meditazione nei negozi specializzati (lo vendono anche su Ebay), oppure realizzarlo con le tue mani: su Zenhome.it trovi tutte le istruzioni per realizzare un perfetto cuscino zafu.

 

Meditazione zen: esercizio di rilassamento

Nella pratica della meditazione zazen sono essenziali la postura e la respirazione.
La postura:

1. Siediti con le gambe incrociate e gli occhi chiusi

2. La mano destra va portata all’altezza dell’ombelico, aperta e con il palmo rivolto verso l’alto. La mano sinistra, nella stessa identica posizione, si appoggia sulla mano destra; i pollici si toccano.

3. È importante che la schiena sia dritta; comincia con il raddrizzare la parte inferiore della schiena, la zona lombare, poi il resto della schiena e il collo. Pensa che le orecchie e le spalle devono essere allineate in orizzontale e immagina che la tua schiena sia un pilastro della stanza che deve reggere il soffitto.

4. Le spalle e i gomiti sono rilassati, i gomiti leggermente discostati dal bacino.

 

Ora comincia a respirare profondamente, con calma, e concentrati solo sulla posizione e sul tuo corpo. Parti dalla testa e immagina che tensioni, nervosismi, stress e stanchezza siano un unico blocco che ora puoi rimuovere, facendolo scivolare lungo il viso prima e il collo poi. Lascia che i pensieri ti attraversino, senza inseguirli e senza opporre resistenza. Con la pratica, la postura giusta e la respirazione stabilizzata, la mente riacquista calma e concentrazione.

 

Immagine I oddsock

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: