Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

EDUCAZIONE RAZIONALE EMOTIVA A SCUOLA

La scuola è una “palestra di vita” in cui i bambini non apprendono solo nozioni ma imparano anche a rapportarsi con gli altri, a comunicare e a gestire i propri stati d’animo e a sviluppare tutte quelle competenze personali e sociali che saranno loro utili nella vita futura. In tal senso i principi dell’Educazione Razionale Emotiva trovano proficua applicazione nel contesto scolastico in programmi curricolari ed extracurricolari.

L’Educazione Razionale Emotiva, come metodologia didattica per lo sviluppo di competenze socio emozionali e cognitivo-affettive, trova feconda applicazione nei programmi scolastici ed è in tal senso che muovono alcuni progetti di intervento e di formazione del personale docente. Imparare a pensare le emozioni può essere una risorsa insostituibile per sostenere impegno e motivazione.

 

Educazione razionale emotiva e life skills

E’ ormai da tempo assodata l’importanza delle emozioni per lo sviluppo nei bambini di quelle competenze personali e sociali (life skills) necessarie all’apprendimento e all’adattamento per superare le difficoltà, rapportarsi agli altri e migliorare le prestazioni. L’Educazione Razionale Emotiva trova nella scuola uno degli ambiti privilegiati di applicazione proprio per lo stretto legame esistente tra apprendimento e benessere emotivo del bambino.

 

Affrontare successi e insuccessi con l’Educazione razionale emotiva

Partendo dall’assunto che non sono gli eventi in quanto tali a suscitare sofferenza mentale ma l’interpretazione che diamo di essi, l’ABC delle emozioni dell’Educazione Razionale Emotiva mira a far acquisire nei bambini consapevolezza di emozioni e stati d’animo associati all’apprendimento e alla socializzazione con i compagni. La scuola è infatti il primo contesto i cui il bambino è chiamato a misurarsi con i propri successi e insuccessi, i propri errori e limiti personali e a misurare le proprie capacità negoziali e comunicative.

 

LEGGI ANCHE COMBATTERE IL FALLIMENTO SCOLASTICO

 

Applicazione dell’Educazione razionale emotiva a scuola

Tutte le materie curricolari, così come tutte le circostanze di interazione sociale possono essere trasformate in fonte di apprendimento emotivo: dai correlati fisiologici delle emozioni, al potere evocativo delle immagini e delle arti figurative alla possibilità di mettere in parole le emozioni e gli eventi a cui sono associate. Tutto può essere occasione di riflessione consapevole sulle emozioni provate, sulle attribuzioni implicite assegnate agli eventi e ad esse associati e sul modo per ridimensionare e riequilibrare il rapporto con essi. Imparare che un brutto voto non equivale ad una svalutazione della propria capacità personale ma attiene ad una specifica condotta che, proprio grazie alle altre risorse di cui si dispone, può essere migliorata è, ad esempio, un apprendimento fondamentale non solo per l’andamento scolastico, ma per il fondamento dell’autostima e del senso di autoefficacia personale.

 

Leggi anche L'intelligenza emotiva a scuola >>

 

Immagine | Pilar Soro


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: