Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20734
Gestire emozioni

Gestire le emozioni - soprattutto quelle negative, come la rabbia, l'aggressività, la frustrazione - comincia, necessariamente, con il riconoscerle e accettarle per quello che sono: ovvero, modi di risposta alle situazioni che sono spontanei e passeggeri. Non bisogna averne paura, né tantomeno permettere che siano loro a plasmare il nostro umore e le nostre azioni. La vergogna, ad esempio, non è un'emozione negativa ma, se ben compresa, può essere utile ai fini della nostra crescita personale

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Gestire emozioni

Non ci sono co-operatori per Gestire emozioni. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

Tutti di fronte ad un torto subito avranno provato almeno una volta un chiaro desiderio di vendetta, magari anche indulgendo in fantasie più o meno elaborate sul “modus operandi” da adottare nei confronti del proprio aggressore. Non sempre però questo impulso che potremmo ritenere trasversale alla natura umana viene messo in atto concretamente. Perché alcune persone agiscono la propria vendicatività mentre altri mostrano di poter addirittura perdonare u... »

Di Cristina Rubano

La rabbia è un’emozione associata per lo più a sensazioni sgradevoli, che sembra non essere mai “dosata” nel modo appropriato. C’è chi è preda di intense esplosioni con cui finisce per travolgere chi gli sta intorno e chi, al contrario, la serba dentro di sé, inespressa, ostentando un forzato e inautentico sorriso… La rabbia è davvero un’emozione da evitare? Può essere molto utile a patto che la si sapp... »

Di Cristina Rubano

Cos’è un’aspettativa? Non si qualifica per la sua importanza o per l’oggetto che ne costituisce il fulcro: quando ci si crea un’aspettativa un individuo anticipa mentalmente uno scenario futuro in un’ottica positiva. L’attesa di qualcosa di bello carica l’aspettativa stessa di una carica emotiva che aumenta con l’avvicinarsi del proprio obiettivo. Non sempre gli eventi ci sorridono e lo scenario immaginato non è detto che si trasfo... »

Di Francesca Cilento

Come gestire la rabbia? Spesso la si associa ad un’aggressività distruttiva eppure ci sono modi di gestire e esprimere la rabbia che possono renderla adattiva e addirittura costruttiva. Vediamo come e perché.   1. Un’emozione fondamentale Ricordate Inside Out? Rabbia faceva parte dell’equipaggiamento emotivo della piccola protagonista del film.. Sì perché la rabbia, insieme ad altre emozioni come gioia, paura o disgusto, fa parte di quelle ch... »

Di Cristina Rubano

Molte scuole di pensiero, psicologiche e filosofiche, credono che lo scopo della vita umana, o meglio, dell’essere umano, sia quello di raggiungere la felicità. Eppure sembra uno stato così fuggevole che non resta con noi a lungo: è possibile essere sempre felici? Non so se sia possibile essere costantemente soddisfatti e felici, forse un tale stato porterebbe a momenti di stallo, ma sicuramente sarebbe utile allontanare l’eccessiva tristezza che ci blocca. Ci... »

Di Francesca Cilento

In questi giorni è stato annunciato un inasprimento delle sanzioni per chi guida con lo smartphone in mano. Il telefono cellulare è infatti una delle principali distrazioni alla guida che causa incidenti anche molto gravi. Eppure anche altri comportamenti ci mettono a rischio, come la rabbia. Un’emozione negativa che si accompagna ad una forte attivazione fisiologica può impedire alla mente di concentrarsi su quanto sta accadendo attorno a noi.   Fonti di distr... »

Di Francesca Cilento

Spesso nei corsi di formazione professionale si parla di emozioni. Gestione del tempo, stress lavoro correlato, public speaking, sono solo alcuni esempi di macrotemi durante la consapevolezza emotiva ha un ruolo chiave. Per consapevolezza emotiva si intende la capacità composita di:> Riconoscere di essere emotivamente attivato;> comprendere la reazione emotiva (dare un nome alle emozioni)> ricostruire la fonte della propria attivazione;> gestire un'eventuale attivazione esa... »

Di Francesca Cilento

L’intelligenza emotiva è un aspetto dell'intelligenza legato alla capacità di riconoscere, utilizzare, comprendere e gestire in modo consapevole le emozioni proprie e altrui (Salovey e Mayer,1990; Goleman,1995; Sternberg,1996). Si tratta di un’abilità essenziale non solo per la vita affettiva e l’ambito delle relazioni “private”, ma anche per le attività lavorative e sociali.   L’intelligenza emotiva: cosa signific... »

Di Cristina Rubano

Vergogna e senso di colpa sono spesso confuse tra loro nel linguaggio comune, eppure non sono affatto la stessa cosa. In varie situazioni, quando abbiamo la sensazione che quello che stiamo facendo non sia giusto o non rispetti alcune norme di comportamento possiamo provare vergogna o senso di colpa o, anche, sperimentarle entrambe. Tuttavia si tratta di emozioni che colgono le nostre defaillance comportamentali (o presunte tali) da punti di vista diversi con differenti implicazioni per la no... »

Di Cristina Rubano

L’uomo che non deve chiedere (e quindi piangere) mai. La donna facile al pianto e quindi “isterica”, emotivamente instabile, lunatica… Molti sono i luoghi comuni e i pregiudizi associati al pianto; in entrambi i generi esprimere con le lacrime sentimenti di tristezza o disperazione sembra venir visto con un certo sospetto. Niente di più falso, come lo stesso Freud (1895) ebbe a dimostrare. Tuttavia ciò non vuol dire che piangere sia un vantaggio a ogni c... »

Di Cristina Rubano

Si dice che “si cucina sempre pensando a qualcuno, altrimenti stai solo preparando da magiare”! A ben pensarci quest’affermazione non è affatto peregrina: cucinare, in particolare i dolci, può essere un gesto di affetto verso coloro che amiamo e anche un modo per esercitare la consapevolezza e gestire lo stress. Tutti vantaggi non “edibili” dunque, ma in grado di nutrire cuore e mente! Una nuova forma di arte-terapia? Può darsi….  ... »

Di Cristina Rubano

L'ira è un'emozione molto intensa, si distingue dalla rabbia proprio per la sua intensità. Ma non è solo questo che la contraddistingue: se la rabbia si attiva in presenza di un ostacolo o di problema, l'ira o collera sorge quando pensiamo di essere stati danneggiati. Provate a pensare all'ultimo scoppio di collera che avete avuto, quando proprio "la misura era colma", è probabile che pensiate di essere stati danneggiati o trattati ingiustamente da qualcuno in spec... »

Di Francesca Cilento

La superbia è uno dei peccati capitali, uno dei peggiori comportamenti che, secondo la religione cattolica, affetta un essere umano. La superbia, però, non è frutto del Cristianesimo perché è nota la sua presenza nella mitologia greca e, anche in questo caso, prevedeva punizioni esemplari. Un esempio è quello di Prometeo che, pur volendo aiutare il genere umano, agli occhi degli dei passò il segno, ovvero prese una decisione al di là del... »

Di Francesca Cilento

Frustrazione:  durante i corsi sull’intelligenza emotiva è uno dei mie assi nella manica. Perché? Perché quando chiedo alle persone quali siano le emozioni presenti nel loro vocabolario emotivo, la frustrazione è una delle grandi assenti e, anche quando se ne approfondisce il significato, spesso la si confonde con la tristezza. Ma allora perché questo legame con l’aggressività?   Siamo frustrati? Oggi la frustrazione non &e... »

Di Francesca Cilento

Superare le difficoltà è questione di punti di vista! Eh già perché, molto spesso, gli ostacoli peggiori non sono dovuti alla realtà dei fatti, ma a come noi li valutiamo! A volte può essere utile guardare a ciò che ci accade da un’altra prospettiva: Piper, il nuovo corto della Pixar, ci insegna proprio questo!   Superare le difficoltà: Piper e le onde Un piccolo piovanello è alle prese con le prime escursioni sulla spi... »

Di Cristina Rubano

2 di 10

Scarica flash player