Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20870
Genitori figli

Un genitore è un padre o una madre; una persona che genera o dà la nascita ad un figlio, oppure lo nutre e lo fa crescere, oppure è un parente che esercita il ruolo di custode. Oltre alla genitorialità biologica esiste la genitorialità adottiva. La comunicazione fra genitori e figli può diventare difficile, i genitori possono sentirsi insicuri, poco informati, e i figli possono sentirsi incompresi, non ascoltati, e non trovare argomenti da condividere con i genitori.

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Genitori figli

Articoli più recenti

Quando si aspetta un figlio, l'incognita del genere (fin quando dura) genera non poche domande. Avere un figlio maschio o femmina porta i genitori ad avere aspettative e paura molto diverse tra di loro. A partire dalle somiglianze fisiche per finire con il supposto amore più intenso per un figlio del sesso opposto. Ma cosa c'è di vero in queste dicerie? Quali sono le insidie e le opportunità nella relazione madre -figlio? Complesso edipico Molti autori si sono cimentati ... »

Di Francesca Cilento

Educare al digitale è una questione spinosa per genitori ed insegnanti. La differenza generazionale tra migranti digitali e touch generation rende difficile integrare la nostra infanzia con i nuovi strumenti a disposizione. La questione diventa ancora più difficile se poi consideriamo che è difficile immaginare coma un bambino possa vivere questa totale apertura al mondo e  al pubblico dato che non è stata vissuta dagli adulti odierni. Tante domande possono so... »

Di Francesca Cilento

Controllare i figli è da sempre una priorità dei genitori e un ostacolo alla propria libertà che ogni figlio deve eliminare come conquista personale. Un tempo la possibilità di poter uscire di casa da soli costituiva un primo passaggio per questa emancipazione, con la possibilità di avere uno spazio proprio un po’ più difficile da raggiungere. Il controllo a distanza quindi non è solo parental control, ma anche una nuova forma di relazion... »

Di Francesca Cilento

Il 20 Novembre fu scelto nel 1954 dall’Assemblea Generale come Giornata Mondiale del Bambino in contemporanea con l’adozione della Dichiarazione dei diritti del Bambino. Nell’ottica dell’assemblea c’era il desiderio di rivedere anno dopo anno le iniziative prese dai vari stati membri in favore dell’infanzia. Quali sono i diritti dei bambini odierni? Spesso oggi, in totale buona fede, ne viene dimenticato uno, soprattutto dai genitori: la possibilità ... »

Di Francesca Cilento

Il perfezionismo nei bambini può essere facilmente scambiato per qualcosa di positivo. Un bambino che è capace di mantenersi a lungo concentrato e di disegnare o scrivere con grande precisione sarebbe il sogno di ogni madre per la sua diligenza. Il perfezionista però non è mai soddisfatto di sé e questi continui sforzi confluiscono nell’insoddisfazione piuttosto che nella gioiosa contemplazione dei propri sforzi.   Essere perfezionista Il perfezio... »

Di Francesca Cilento

Il rapporto tra genitori e figli è zeppo di aspettative. Che siano positive o negative, reali o immaginarie, contenute o eccessive sempre animate da buon intenzioni, le aspettative sono una componente fondamentale di una relazione tanto speciale. Le aspettative genitoriali spesso nascono dal confronto della propria esperienza con quella del figlio che riapre antiche ferite e prove superate e a volte si desidera che per il figlio tutto sia più semplice.   Il bambino fantasma... »

Di Francesca Cilento

Ogni genitore ama suo figlio e nei primi anni di vita è davvero considerato una superstar. Per i nostri piccoli il genitore rappresenta un esempio e un traguardo della crescita e sembra quasi dotato di poteri: tutto gli riesce facile. Purtroppo l’amara verità è un’altra: i genitori sono più allenati alle sfide della vita, hanno più esperienza e per questo cercano di creare un contesto protetto dove i figli non debbano scontrarsi con sfide eccessi... »

Di Francesca Cilento

L’irrequietezza in un bambino, specie quando è prolungata, lascia spesso i genitori confusi, poiché il piccolo appare capriccioso, agitato, richiedente o inconsolabile e nessuna risposta da parte dell’adulto sembra funzionare. I bambini possono mettere a dura prova, non è sempre facile riuscire a comprendere il significato dei loro comportamenti e spesso impazienza, rabbia e frustrazione hanno la meglio sui genitori amplificando il problema in un circolo vizio... »

Di Cristina Rubano

"Guida per diventare un genitore consapevole" di Shefali Tsabari è un volume destinato a tutti i genitori che si sentono pronti a prendersi del tempo per riflettere sulle loro scelte genitoriali per trasmettere (e non solo insegnare) ai figli uno stile di vita basato sull'autoconsapevolezza. Il libro si apre con una serie di considerazioni su due concetti principali: 1. la compassione, come dono personale che l'autrice sente di aver ricevuto dalla madre 2. la consapevolezza intesa come... »

Di Francesca Cilento

Tutto è oggetto di mode che vanno e vengono: anche le pratiche educative. Da teorie che inneggiano regole ferree e un atteggiamento volto ad una pacata vicinanza, si passa a coloro che sponsorizzano coccole e baci ad ogni secondo e una totale libertà dei bambini. In tutto questo avvicendarsi teorico, la sculacciata è uno degli atti educativi che più ha suscitato dubbi tra i genitori. Per qualcuno è un atto di violenza mai giustificabile, per altri una pratic... »

Di Francesca Cilento

“La natura dell’amore”: potrà sembrarvi il titolo di qualche romanzo rosa, rappresenta invece il nome della pubblicazione di uno degli esperimenti più importanti per la storia della psicologia riguardo quello che oggi sappiamo sull’attaccamento e l’amore materno. Ricevere coccole, sentire il contatto fisico rassicurante e protettivo di una figura di riferimento rappresentano bisogni basilari e imprescindibili per lo sviluppo psicofisico dei piccoli,... »

Di Cristina Rubano

Troppo spesso vediamo bambini incapaci di perdere e di accettare la sconfitta, vivendola con rabbia, frustrazione e delusione.  Sono soprattutto i maschietti a vivere male l’insuccesso di una competizione; al contrario le femminucce sono più sensibili di fronte al cosiddetto “brutto voto”. Come mai sempre più bambini fanno fatica a tollerare la sconfitta? Quale significato ha per loro questa esperienza? In tutto questo, l’educazione che ruolo svolge... »

di Costantino Caso Coaching

Ci sono mille modi per essere genitori, perché non esiste il figlio perfetto e non esiste neanche “Il Figlio”, ma solo individui in crescita che affrontano le loro sfide le risorse che hanno a disposizione. I genitori spesso accusano lo scotto di questa variabilità, perché se non esistono regole è difficile capire a volte se si sta facendo la cosa giusta. Il confronto è uno dei modi più efficaci per ricevere sostegno e dare un senso pi&ugr... »

Di Francesca Cilento

L'Onu ha previsto anche una Giornata Mondiale per i genitori, fissata per il primo di Giugno in onore di tutti coloro che sono impegnati nella crescita e nella educazione dei figli. La Giornata è un modo per sottolineare l'apprezzamento nei confronti di coloro che si sacrificano duramente per i figli. Sebbene possa sembrare quasi banale che un genitore si metta al secondo piano per i bisogni di un figlio, non bisogna dimenticare che esistono figure parentali che non si comportano in ta... »

Di Francesca Cilento

Capita spesso di vedere bambini che piangono disperati per avere qualcosa, un gelato, un giocattolo, un vestito. Quando il capriccio si concentra non tanto sull’oggetto, ma sulla marca e su quel determinato prodotto stiamo assistendo al Nag Factor. Il fattore assillo fa riferimento all’insistenza con cui i bambini richiedono un particolare oggetto perchè il messaggio pubblicitario è riuscito a fare breccia e li ha conquistati. Sono bambini deboli? Non credo, sono bam... »

Di Francesca Cilento

1 di 10

Scarica flash player