Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

PERSONAGGI

Eric Berne










 

Lo psicologo canadese Eric Berne è stato l'ideatore dell'analisi transazionale, nuovo modello di analisi terapeutica che pone particolare interesse all’aspetto relazionale e sociale e che ha dato un contributo fondamentale allo sviluppo della terapia di gruppo

 

Eric Berne (Montréal, 10 maggio 1910 – Carmel, California, 15 luglio 1970)

 

Eric Berne nasce con il nome Eric Leonard Bernstein. È il primogenito di David Hiller Bernstein, medico generico, e Sarah Gordon Bernstein, redattrice, entrambi ebrei emigrati in Canada dalla Russia e dalla Polonia. Nel 1915 nasce la sorella, Grace. Poco tempo dopo il padre muore di tubercolosi, a soli 38 anni, ma la madre riuscirà comunque a pagare l’università di medicina di Eric, che completa i suoi studi nel 1935. Sceglie psichiatria e si trasferisce negli Stati Uniti, dove lavora come medico interno all'Englewood Hospital, nel New Jersey, e poi come assistente nella clinica psichiatrica della Yale University School of Medicine. Nel 1938 diventa cittadino americano e cambia il cognome in Berne.

 

I primi lavori di Eric Berne nella terapia di gruppo e le origini dell’analisi transazionale

 

Trasferitosi a New York, nel 1941 Eric Berne comincia la formazione psicoanalitica con Paul Federn, stretto collaboratore di Freud ed ex vicepresidente della Società Psicoanalitica di Vienna (dal 1924 al suo scioglimento, nel 1938). Da lui riprende il concetto di immagini dell’Io, che rielaborerà poi nei tre stati dell’Io Genitore, Adulto, Bambino. Quando scoppia la Seconda guerra mondiale entra nelle forze armate come psichiatra militare e, tra il 1943 e il 1946, comincia a sperimentare la terapia di gruppo. L’esperienza nell’esercito lascia notevoli tracce nella vita di Eric Berne; in quegli anni inizia le ricerche sull’intuizione che svilupperà nei suoi primi articoli, scritti nel 1949, ai quali risalgono le origini della sua teoria dell’analisi transazionale. Berne tornerà a lavorare con i soldati negli anni Sessanta, quando si impegna nel recupero psicologico dei veterani del Vietnam.

 

L’apprendistato con Eric Erikson e il distacco dalla teoria freudiana

 

Nel 1946, dopo il congedo, Eric Berne si stabilisce in California e riprende il suo percorso di studi psicoanalitici, ora al San Francisco Psychoanalytic Institute sotto la guida dello psicoanalista infantile Eric Erikson, con cui lavorerà per due anni. L’anno successivo pubblica il suo primo libro, The Mind in Action (rivisto nel 1957, diventa A Layman’s Guide to Psychiatry and Psychoanalysis, traduzione italiana Guida per il profano alla psichiatria e alla psicoanalisi). Intanto matura il suo distacco dalla psicoanalisi tradizionale e continua a lavorare a una nuova teoria della personalità e del comportamento sociale, che chiamerà analisi transazionale. Il termine compare per la prima volta nell’articolo di Berne intitolato "Transactional Analysis: A New and Effective Method of Group Therapy”, che esce nel 1958 nell’American Journal of Psychotherapy. Eric Berne si dedicherà con passione alla ricerca e alla divulgazione, inaugurando un centro – l’International Transactional Analysis Association (ITAA) – e continuando a scrivere e a pubblicare libri e articoli fino alla morte, sopraggiunta nel 1970.

 

I principali libri di Eric Berne in italiano

 

I principali libri di Eric Berne disponibili anche in italiano sono:
Guida per il profano alla psichiatria e alla psicoanalisi, Astrolabio Ubaldini, 1969
Analisi transazionale e psicoterapia, Astrolabio Ubaldini, 1971 (il libro è dedicato all’amatissimo padre: “In memoriam patris mei David, medicinae doctor et chirurgiae magister, atque pauperibus medicus”)
A che gioco giochiamo, Bompiani, 1964
Principi di terapia di gruppo, Astrolabio Ubaldini, 1966
Fare l’amore, Bompiani, 1970
Ciao!...e poi?, Bompiani, 1971.

 

Risorse online su Eric Berne

 

Il testo integrale di A che gioco giochiamo

Un commento su Ciao!... e poi? e il concetto di copione

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy