Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20732
Disagio psicologico

I sintomi del disagio psicologico sono svariati e attraversano differenti stadi. Spesso nelle persone che soffrono ciclicamente di stati depressivi subentrano sensazioni di essere giunti “al capolinea”, al “punto di non ritorno”. Tutto sembra privo di significato, gli ostacoli sembrano insormontabili e vi è sempre più marcata la tendenza all’isolamento. Negli adolescenti, spesso subentra anche l’anoressia o la bulimia. Il disagio psicologico può essere di natura reattiva, ovvero conseguente a fatti che stanno realmente accadendo e può manifestarsi a qualsiasi età, anche nei bambini.

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Disagio psicologico

Non ci sono co-operatori per Disagio psicologico. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

Tra i vari fattori di rischio collegati alla genesi del Disturbo Borderline di Personalità che sono stati presi in considerazione negli ultimi anni, si è cominciato a guardare in  modo più approfondito al contributo delle avversità nel periodo prenatale.  Si è detto che lo stress materno nel periodo della gravidanza, l’utilizzo di sostanze stupefacenti, il tabacco, complicazioni mediche, possono portare a restrizioni della crescita intrauteri... »

di Edoardo Ballanti Psicologo

La paura della morte riguarda in primo luogo noi esseri umani che in quanto esseri autocoscienti abbiamo nella nostra mente il concetto di morte e di finitudine della nostra esistenza (cosa che naturalmente gli animali non hanno). Questo porta con sé la paura della fine e della perdita della propria vita o di quella dei propri cari. Su questa consapevolezza/condizione esistenziale si inscrivono da un lato fattori culturali e sociali che possono facilitare o rendere difficile l’el... »

Di Cristina Rubano

La sindrome di Tourette (TS) è una malattia neurologica ad esordio nell'infanzia. L'esordio è tra i 2/15 anni ed è un quadro sindromico piuttosto raro. I tic, che sono il segno clinico più caratteristico della sindrome di Tourette, sono improvvisi, brevi, intermittenti, semi-involontari, motori, fonici o vocali. I tic motori comprendono l'ammiccamento, le contrazioni del naso e gli scatti della testa e degli arti. I tic fonici comprendono il singhiozzo, lo schiarim... »

Di Cristina Rubano

La depressione è, almeno in teoria, definibile come tale da una tipologia di sintomi piuttosto specifica e attualmente condivisa da tutte le tassonomie psichiatriche internazionali. Nella realtà clinica tuttavia le cose tendono ad essere sempre un po’ più complesse e sfumate di come ci aspetteremmo… Di depressione non ce n’è una sola e, per quanto essa rappresenti un disturbo psicologico a volte grave e invalidante, non è sempre riconoscib... »

Di Cristina Rubano

Le feste rimandano subito ad un’immagine: tanta gente che riempie una stanza e parla allegramente, se poi  ci aggiungiamo buon cibo e bevande ancora meglio! Pensando al Natale all’immagine si associa subito la parola famiglia. Ciò rende quasi impossibile trovare amici e conoscenti liberi per non sentire la solitudine. Sentirsi soli a Natale per qualcuno è una tortura, ma non tutti vedono la solitudine come un problema, allora come rendere piacevole comunque la s... »

Di Francesca Cilento

Il sonnambulismo fa parte dei disturbi del sonno. Prima di tutto occorre sottolineare che, a prescindere dal folclore e dalle dicerie, il sonnambulismo ha una natura benigna, cioè non è associato ad un disturbo pericoloso. Tendenzialmente di risolve in modo spontaneo, ed è tipico dell’età evolutiva. Molti bambini (tra il 15 e il 30%) sperimentano almeno un episodio di sonnambulismo tra i 4 e i 12 anni. Minore è la percentuale di coloro che hanno episod... »

Di Francesca Cilento

Ogni giorno muoiono delle donne; donne che hanno detto di no, donne che volevano decidere della propria vita, donne che avevano delle opinioni. Il femminicidio cos’è esattamente? La Treccani la definisce “Uccisione diretta o provocata, eliminazione fisica o annientamento morale della donna e del suo ruolo sociale”. Si tratta di un fenomeno complesso che include l’atto finale che pone fine alla vita della donna, ma si allarga anche a tutto il processo sociale smi... »

Di Francesca Cilento

L’apatia fa riferimento ad una condizione di disagio psicologico caratterizzata da un certo grado di indifferenza verso gli stimoli esterni e da reazioni emotive poco intense. Oggi gli stimoli che vengono offerti sono molteplici e da adulti e bambini ci si aspetta sempre un certo grado di impegni ed attività. Quando l’inerzia è riposo e quando invece si tratta di apatia. Esiste un test o una scala attraverso cui misurarla.   Sintomi di apatia: cosa misurare? Non... »

Di Francesca Cilento

Siamo abituati ormai ai migranti; vediamo persone che cercano di entrare in Italia e in Europa ogni giorno e spesso pensiamo che stiano vivendo un sogno. Il percorso di migrazione però non è un cammino facile, non lo è per coloro che stanno fuggendo dalla guerra, ma anche per coloro che cercano di migliorare il proprio status e la propria vita. Chi migra spesso vive una certa tensione tra ciò che vorrebbe e quanto di buono ha lasciato, perché si ha sempre un... »

Di Francesca Cilento

La fobia sociale è un disagio psicologico caratterizzato da una spiccata ansia anticipatoria verso determinate situazioni in cui ci si troverà in presenza di altri. Tali situazioni tendono infatti ad essere evitate pena il vissuto di un’intensa ansia, che potrebbe sfociare in un vero e proprio attacco di panico. Le persone con fobia sociale hanno paura del giudizio degli altri e temono che il proprio comportamento, anche a causa dei segnali ansiosi che mostrano, sia oggett... »

Di Cristina Rubano

Cos’è la xenofobia? Nella cronaca di tutti i giorni si parla del difficile rapporto con l’altro e si finisce per scambiare la xenofobia per il razzismo. Il razzismo è infatti una convinzione/attitudine: credere che la specie umana sia composta da più razze diverse tra di loro e per giunta ordinabili in termini di qualità. Date queste premesse è facile cercare (e trovare) dei parametri che possano sostenere l’idea che una razza sia indiscuti... »

Di Francesca Cilento

Quante volte nel sentire una notizia di cronaca al limite dell’immaginabile sentiamoci vicini e amici dire: “era una persona così tranquilla e normale”? E allora da dove arriva quell’atto atroce, la manifestazione (a nostro parere) evidente della presenza di un disturbo mentale, di una malattia. Questi esempi ci portano ad una domanda più generale: è possibile stabilire una netta distinzione tra malattia e sanità mentale? Come distinguerli t... »

Di Francesca Cilento

Vedersi allo specchio non significa osservare una semplice immagine riflessa per come oggettivamente e concretamente appare. “E cos’altro potrebbe essere?” direte voi… Beh diciamo che una buona percentuale di ciò che vediamo è il risultato dei nostri vissuti e nelle nostre rappresentazioni mentali. Questioni tutt’altro che tangibili dunque in grado di determinare però gran parte della presunta “oggettività” di ciò c... »

Di Cristina Rubano

Anoressia e bulimia sarebbero in considerevole aumento specie nei bambini. L’allarme è stato lanciato nel corso del 71°  Congresso della Società Italiana di Pediatria che ha dedicato un’apposita sezione a questo argomento. Si assiste a esordi sempre più precoci di queste patologie, in fasce d’età prepuberi e non più solo nel genere femminile. Intervenire precocemente, prima che il disagio si manifesti, è fondamentale per pre... »

Di Cristina Rubano

L’Emotion Acceptance Behavior Therapy (EABT) (Wildes & Marcus, 2011) rientra tra le strategie terapeutiche cognitivo-comportamentali di nuova generazione per l'anoressia. Messo a punto con l’obiettivo di rivolgersi a tardo adolescenti e adulti, questo protocollo terapeutico si propone di lavorare su un doppio binario: quello del controllo/riduzione dei sintomi e quello dello sviluppo di una più adeguata competenza a riconoscere e a gestire le emozioni.   EABT: un p... »

Di Cristina Rubano

1 di 18

Scarica flash player