Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20863
Differenze di genere

Per genere si intende un concetto differente dal sesso biologico, si intende piuttosto il significato psicosociale assegnato alle differenze sessuali compresi ruoli, comportamenti e altre caratteristiche socialmente attribuite ad un genere piuttosto che a un altro. Le differenze di genere rappresentano dunque delle costruzioni socioculturali e non dei “dati di fatto” assegnati dalla biologia e, come tali, possono trascendere il dualismo stereotipale maschio/femmina nel rispetto dell’espressione soggettiva e libera di “generi” diversi per cultura, etnia, contesti socioeconomici, orientamento sessuale.

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Differenze di genere

Non ci sono co-operatori per Differenze di genere. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

Dal greco misèō, "odiare" e gynḕ, "donna": misogini o, per dirla con Stieg Larsson, “Uomini che odiano le donne”. La saga di uno dei triller di maggior successo degli ultimi dieci anni viene tutta dalla Svezia. E, come Larsson, altri autori dopo di lui hanno seguito lo stesso filone: gialli ambientati nei super moderni ed emancipati Paesi del nord Europa eppure così densi di violenza contro le donne. E non è un’invenzione letteraria, lo chiamano il &ldqu... »

Di Cristina Rubano

Foto: Immagine comparsa su Life nel 1937 rappresentante una giovane alle prese con la terapia del Sorriso   “Ghiaccio bollente” … è un classico esempio di ossimoro, cioè una figura retorica fondata sull’accostamento paradossale di due termini in contrasto tra loro. Anche pretendere di “insegnare” a sorridere a chi non ne ha alcun motivo sarebbe una forma, ancor più grottesca, di paradosso. La “scuola del sorriso” &egra... »

Di Cristina Rubano

La festa della donna, celebrata in molte nazioni del mondo l’8 marzo, è la giornata mondiale dedicata alle donne e al ricordo delle lotte politiche e sociali affrontate per ottenere diritti e valore nel contesto sociale. Il ruolo femminile ha subito molti cambiamenti nella storia passando dall’essere figlia, moglie e madre senza alcun diritto, sottomessa al potere del capo famiglia, priva di alcuna possibilità di scelta e di rivalsa sulla propria condizione, ad una f... »

Di Milena Rota

  Erano gli anni ‘70 quando Erving Goffman (Gender adverstisements. Studies of Anthropology of Visual Communication, 3, 1976) fece i pionieristici studi sull’immagine del corpo femminile nella pubblicità rilevando quando le donne fossero sterotipalmente rappresentate come mogli o madri; angeli del focolare insomma escluse dalla vita lavorativa e sociale. Oggi le donne sono in carriera e onnipresenti in contesti istituzionali e mondani eppure ancora discriminate e strum... »

Di Cristina Rubano

In questi mesi il ciclone delle molestie di genere ci ha investito in pieno. Ogni giorno sorgono scandali nuovi legati a presunte molestie sul luogo di lavoro. Più frequentemente son le donne a farne le spese, soprattutto a causa della disparità di potere, ma probabilmente molti uomini cominceranno a reagire confessando le molestie da loro subite. Alla lunga lista di questi atteggiamenti sbagliati e molesti aggiungiamo il mansplaining. Di cosa si tratta? È l’atteggi... »

Di Francesca Cilento

Siamo alle soglie del terzo millennio, abbiamo alle spalle il ‘68, le lotte di classe, il femminismo e l’emancipazione della donna… Disquisiamo di teorie “gender”, coppie di fatto e unioni arcobaleno… Ci meraviglieremmo insomma di apprendere che sì, certi atteggiamenti stereotipali, certe discriminazioni di genere le abbiamo ancora noi, a casa nostra: il sessismo è ancora parte della nostra cultura, ma è così subdolo che spesso... »

Di Cristina Rubano

Uomini e donne si rivolgerebbero a psicologi e altri professionisti della salute mentale con aspettative differenti. Il “genere” degli aspiranti pazienti in psicoterapia farebbe dunque la differenza negli obiettivi e nel tipo di approccio terapeutico ricercato. Queste almeno le conclusioni a cui sono giunti alcuni ricercatori inglesi dopo aver interpellato al riguardo un gruppo di psicoterapeuti.   La percezione dei terapeuti sulle aspettative di uomini e donne L’indagi... »

Di Cristina Rubano

L’oggettivazione sessuale è un meccanismo psicologico che deumanizza la persona fino a renderla non più soggetto ma oggetto sessuale, strumento a mero scopo di soddisfacimento del tutto avulso sia da un coinvolgimento relazionale sia dal riconoscimento di bisogni e qualità umane alla persona in questione. Vi sembra assurdo e al limite del possibile? Eppure l’oggettivazione sessuale è un meccanismo con il quale ci troviamo a confrontarci quasi ogni giorn... »

Di Cristina Rubano

Sebbene abbiamo largamente parlato e discusso degli stereotipi femminili e delle loro varie pericolosità, non dobbiamo cadere nella fallace credenza che gli uomini ne siano esenti. Ebbene, anche il genere maschile ha i suoi stereotipi con cui, o meglio, contro cui combattere.   Stereotipo maschile e non solo Non crediate che sia cosa facile confrontarsi con ruoli di genere quali coraggio, potere, lavoro, forza, successo, razionalità. Sebbene questi stereotipi possano essere... »

Di Rita Maria Esposito

Le parole veicolano significati. Ogni lingua ha il suo insieme di parole che esprime e comunica ruoli sessuali. Proprio perché appresi tramite la propria lingua madre, questi significativi veicolati dalle parole sembrano essere immutabili.   Linguaggio e ruolo sessuale Il linguaggio non è un elemento naturale che veicola proprietà intrinseche della realtà, bensì categorie proprie della cultura a cui la lingua appartiene. La lingua consente non solo di ... »

Di Rita Maria Esposito

Lo stereotipo è un pregiudizio che serve a interpretare e fare previsioni sulla realtà orientandosi aprioristicamente. Lo stereotipo di genere femminile largamente diffuso nella nostra cultura è quello della donna del focolare: le vengono affibbiati qualità quali accudimento, protezione, dolcezza, purezza d’animo, magnanimità, calore, sensibilità. La sua realizzazione sembra essere nel privato, nella presa in cura della famiglia e della vita dom... »

Di Rita Maria Esposito

Le fiabe costruiscono i loro personaggi all’interno di un sistema patriarcale ben definito, così gli stessi personaggi ricoprono ruoli precisi. L’eroina è bella, docile, con i "capelli scuri come l'ebano, la pelle bianca come la neve e le labbra rosse come il sangue" (ricordate Biancaneve?). Lei e la sua bellezza sono spesso vittime di una matrigna, solitamente crudele, perfida e invidiosa della Bella. Così inizia la prima dicotomia tra bellezza e bruttezza. L... »

Di Rita Maria Esposito

La parola "stereotipo" deriva dalle parole greco stereos (duro, solido) e tupos (immagine, gruppo), quindi "immagine rigida" e si riferisce a delle rappresentazioni che le persone utilizzano per semplificare la realtà. Quindi da un punto di vista cognitivo hanno l’utilità di rendere più semplice e intuitiva la rappresentazione e la comprensione della realtà. Lo stereotipo associa quindi una serie di caratteristiche e qualità ad un gruppo di persone o o... »

Di Rita Maria Esposito

In un anno in cui si parla tanto di lotta per il diritto alle unioni civili, per l'adozione del partner e per il rinnovo dell'italiano, non dimentichiamo il significato dell'8 Marzo, la festa per la tutela della donna. La lotta contro la discriminazione femminile trae le sue origini dal diritto al lavoro e oggi proviamo a recuperare queste radici per trasmettere alle nuove donne un'immagine non scontata di loro stesse, dei loro diritti e del loro futuro che resta da migliorare.   Le orig... »

Di Francesca Cilento

Gli uomini sono intimiditi da donne intelligenti? Sembra di sì, almeno queste sono le conclusioni suggerite da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori delle University of Buffalo e University of Texas at Austin e pubblicato sul numero di novembre 2015 della rivista Personality and Social Psychology Bulletin. A quanto pare gli stereotipi di genere sono ancora molto potenti e in grado di influenzare, almeno in parte, il tipo di partner con cui scegliamo di accompagnarci.   P... »

Di Cristina Rubano

1 di 3

Scarica flash player