Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20580
La creatività

La creatività è uno stile di pensiero che si esprime in processi mentali caratteristici. Procede essenzialmente per associazioni tra idee, concetti, fatti, e dà origine a idee e concetti nuovi,invenzioni, scoperte: insomma, a risultati tanto originali quanto efficaci. L'intuizione che la creatività sia uno stile di pensiero, che deriva da un altrettanto specifico atteggiamento mentale e comportamentale, nasce agli inizi del Novecento. I primi studi importanti sul fenomeno risalgono agli anni '20 (da Nuovoeutile.it). Il concetto di creatività è centrale anche in psicologia, in particolare nella scuola junghiana.

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | La creatività

Non ci sono co-operatori per La creatività. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

  Diversi studi lo evidenziano chiaramente: essere capaci di autoironia è protettivo per la salute mentale e indice di acuta intelligenza, non solo quella più logica e razionale, ma anche quella “divergente” e creativa che porta la mente a risolvere i problemi ideando nuove soluzioni. Riderci su è dunque un’arma preziosa, non solo per sentirsi meglio, ma anche per affinare le proprie capacità si problem solving!   Autoironia e intelligen... »

Di Cristina Rubano

Ognuno di noi ha nel cuore un supereroe: sono personaggi che non passano mai di moda e che ogni bambino sogna di diventare guardandoli con ammirazione nella sua crescita. Sono i travestimenti preferiti per il carnevale, i ruoli maggiormente ricoperti nei giochi infantili, le figure dei libri da colorare più selezionate e i cartoni che tengono gli occhi di tutti fissi allo schermo, come in venerazione. L’amore verso questi personaggi è tipico dei bambini e ha una motiv... »

Di Milena Rota

La noia è il più acerrimo nemico della società odierna. Non è possibile trascorrere del tempo a fare nulla, a guardarsi semplicemente intorno e contemplare il vuoto, in poche parole annoiarsi, o si rischia di essere etichettati come nullafacenti, svogliati e incapaci di raggiungere successo e prestigio. La nostra mente è ormai allenata a scacciare la noia riempiendo le giornate con un’infinità di attività, spesso anche poco appaganti e so... »

Di Milena Rota

Efesto è l’archetipo della creatività, espressa per lo più attraverso il lavoro artigianale. L’uomo in cui questo archetipo predomina potrà essere un artista solitario,  spesso affiancato da una donna che funga da “musa” ispiratrice o da “agente” capace di aiutarlo a fare, di un mestiere creativo, anche un lavoro di successo.   Efesto nella mitologia Nel Pantheon greco Efesto era il dio del fuoco, artigiano e fabbro del... »

Di Cristina Rubano

“Natural talent bias”; in questo modo due ricercatori del dipartimento di Psicologia dell’Università di Harvard definiscono il pregiudizio di molte persone rispetto alla superiorità del talento naturale sul semplice esercizio. È vero: si può essere naturalmente portati verso una certa attività, ma per eccellere e mettere a frutto questa “dote” sono necessari esercizio, sacrificio e impegno. La natura, insomma, sembra non fare &l... »

Di Cristina Rubano

Scrittori, registi, sceneggiatori… immaginiamo spesso il lavoro creativo frutto di improvvisi insight, di intuizioni fulminanti che guiderebbero gli autori verso le produzioni più strabilianti. Questa visione “romantica” della creatività non è del tutto fallace, abbiamo notizie ad esempio di artisti e scienziati che ebbero le loro più illuminanti intuizioni addirittura in sogno.. C’è però un’altra faccia della medaglia, ... »

Di Cristina Rubano

Quando non riusciamo a trovare la soluzione di un problema spesso è perché stiamo insistendo a volerlo risolvere con gli stessi metodi utilizzati in passato… Può darsi però che questa volta la soluzione stia su una strada che non abbiamo mai provato e, per trovarla, è indispensabile cambiare il nostro modo di vedere il problema. Come? Con la creatività! L’immaginazione e la fantasia non sono oziose perdite di tempo, ma efficaci e insostit... »

Di Cristina Rubano

La scuola è per sua natura un ambiente strutturato che propone ai propri allievi un modus operandi e privilegia uno stile di pensiero. Ciò è dovuto a questioni organizzative e pratiche: una sola insegnante da sola difficilmente può adattarsi totalmente ai ritmi di 30 studenti, ma questo non vuol dire rinunciare alla creatività. Allora come adattare queste due esigenze? Come alimentare la creatività a scuola?   La creatività: quale coltivar... »

Di Francesca Cilento

Spesso vige il luogo comune secondo il quale la creatività sarebbe una sorta di dote innata e misteriosa avulsa da qualunque tipo di impegno, allenamento o pianificazione razionale. Vero e falso allo stesso tempo! Per imparare ad utilizzare il pensiero creativo dobbiamo certamente rivolgerci alle risorse del pensiero divergente ma anche la logica razionale del pensiero convergente può avere la sua parte, vediamo come!   Il pensiero divergente e convergente per la creativit&... »

Di Cristina Rubano

Essere disordinati: può rivelare intelligenza creativa e genialità – le persone disordinate, si dice, hanno un proprio “ordine nel disordine” – ma anche evitamento e paralisi decisionale là dove il caos ambientale in cui si vive rifletta una confusione interiore e una cronica incapacità di prendere decisioni.    Vediamo allora alcuni possibili significati psicologici dell’essere disordinati.   Essere disordinati Uno stud... »

Di Cristina Rubano

Ozio creativo è un concetto messo a punto dal sociologo Domenico De Masi nel suo libro L’ozio creativo (Ediesse, 1995/Rizzoli, 2000), ovvero l’unione del lavoro, con cui produciamo ricchezza, con lo studio, con cui produciamo sapere e il gioco con cui produciamo allegria. L’insieme di queste tre dimensioni crea quello che De Masi definisce ozio creativo.   Cosa si intende per ozio creativo Nella società postindustriale, dove la tecnologia ha sostituito l&r... »

Di Cristina Rubano

“È la percezione creativa più di ogni altra cosa che fa sì che  l’individuo abbia l’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta”.    L’area transizionale e il bambino Donald Winnicott, pediatra e psicanalista inglese vissuto negli anni a cavallo tra l’800 e il ‘900, descrive la realtà vista dal bambino nei primi anni di vita, come una realtà vissuta in modo puramente soggettivo, dove tutto,... »

Di Rita Maria Esposito

Giulia Cogoli è ideatrice e promotrice del Festival della Mente, un appuntamento culturale che si svolge ogni anno a Sarzana e che ha raggiunto nel 2013 la sua decima edizione. Il libro 100 parole per la mente, di cui è curatrice, raccoglie 100 brevissimi saggi redatti da alcuni dei relatori del Festival: scrittori, musicisti, attori, registi, scienziati, psicologi, storici, architetti che raccontano attraverso una parola chiave la loro idea di creatività.   Laura Ne... »

Di Cristina Rubano

Creatività e disturbi bipolari Nel 1989, Kay Redfield Jamison, uno dei maggiori esperti dei disturbi bipolari con delle caratteristiche tipiche di questi disagi, pubblicò il volume Touched with Fire in cui approfondiva il legame esistente tra i disturbi bipolari e la vena creativa, analizzando la vita di alcuni tra i più celebri scrittori, Virginia Woolf e Ernest Emingway. Pur considerando che non tutte le persone che soffrono di disturbi bipolari hanno particolari vene c... »

Di Rita Maria Esposito

La cucina, con le trasformazioni e la creatività di cui si rende protagonista, può esprimere dimensioni creative e feconde dell’animo umano rimandanti ad energie tipicamente generative e femminili della psiche profonda. La cucina è per questo metafora di tante cose e quindi quasi assimilabile a un rito. Certi programmi televisivi, come Master Chef, hanno portato in tv una scuola di cucina dove l’antipatia e la competizione sembrano invece predominare trattando... »

Di Cristina Rubano

1 di 3

Scarica flash player