Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COMMUNITY MANAGER: ATTITUDINI E COMPETENZE PSICOLOGICHE

Il community manager è una delle figure professionali emergenti più interessanti, ma al tempo stesso vittima di grande confusione. Cerchiamo di fare chiarezza, soprattutto sulle sue competenze

Chi è il community manager? Si tratta di una delle nuove professioni legate al mondo digitale che però si trova al centro della vita online di un brand, di un gruppo o di un professionista che si stia creando la sua cerchia e visibilità.

La formazione per molti anni è stata autoformazione, ma oggi il mercato si sta scoprendo interessato a figure che sappiano davvero gestire una community a vari livelli.

Esaminiamo questa figura professionale, sia in termini di attitudini, sia in termini di compiti e scopriamo che un pizzico di psicologia non guasta!

 

I compiti del community manager

Una community online che funzioni ha delle caratteristiche che si avvinano in tutto e per tutto ad una comunità sociale o meglio a quella che Wenger ha definito Comunità di pratiche.

Si tratta di un gruppo che si forma perché ha delle affinità (somiglianze o uno scopo comune) e che per interagire finisce con il creare un set di strumenti che le sono propri: comportamenti e forme di comunicare che hanno senso al suo interno, così come valori condivisi o artefatti più concreti.

Come si gestisce una community di questo tipo che abbia anche un'anima commerciale? Una risposta ce la offre Matt Chereu, autore del libro "Community Management":

  • conoscere e applicare il marketing per promuovere la community a nuovi membri;
  • curare la relazione con gli utenti più attivi e con i media;
  • rispondere a domande ed esigenze ed anticipare i bisogni degli utenti;
  • raccogliere spunti per sviluppare nuove idee commerciali;
  • facilitare lo scambio di buone pratiche attraverso la comunicazione (community intra-aziendali)

 

Scopri di più sulle nuove professioni di oggi

 

Come fare?

Sembra tanto? Non è tutto! Per arrivare a questo risultato occorre prima di tutto aver creato la community. Secondo l'esperto Giulio Xhaet per arrivare a ciò sono necessari 3 passaggi fondamentali:

  1. Attrazione: convincere il nuovo utente ad entrare la prima volta nella community e trovarla interessante, magari affine a lui per qualche motivo!
  2. Coinvolgimento: una volta entrati gli utenti dovrebbero essere coinvolti, cioè volere tornare in modo più o meno regolare. Lo scopo è convertire la passione in azione, cioè faccio qualcosa nella e per la community, magari che mi permetta di passare da utente anonimo a membro più visibile.
  3. Fedeltà: l'ultimo step è un investimento nella vita della community. Da utente desidero spendere del tempo, vi sono legato affettivamente (magari comunica qualcosa della mia identità) e spontaneamente mi faccio portavoce all'esterno.

 

Le attitudini

Un buon community manager quindi è una figura davvero complessa che combina conoscenza dell'ambito del marketing a delle buone doti di ascolto e di relazione sociale. Se la prima parte dell'articolo sottolinea compiti che richiedono doti economiche, sicuramente nella seconda prevalgono attitudini più pertinenti all'ambito psicologico.

Come possederle tutte? In realtà la molteplicità e fluidità di questa figura non si esaurisce in questo breve articolo, almeno un altro elemento va considerato: la tipologia della community.

Ogni comunità nasce con uno scopo, anche quando si tratta di una community commerciale ed è partire da questo scopo che si indirizza meglio la natura di quel community manager che forse dell'adattabilità deve fare il suo obiettivo primario.

 

Come usare le comunità online in azienda?

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: