Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

SINDROME DELL’IMPOSTORE: LA PAURA DI NON ESSERE ALL’ALTEZZA

La sindrome dell’impostore altro non è che la paura di non essere realmente all’altezza di riconoscimenti e apprezzamenti che riceviamo dagli altri. Dipende da quanto ci riconosciamo responsabili dei nostri successi o li consideriamo un fortunato accidente del caso…

Suzanne Imes e Pauline Clance sono le due psicologhe che alla fine degli anni ’70 descrissero la così detta sindrome dell’impostore per descrivere come mai donne in carriera e all’apice del successo lavorativo continuavano a nutrire scarsa fiducia in sé stesse e attribuivano l’origine dei loro successi più a fortunate circostanze esterne che alle loro reali capacità.

La sindrome dell’impostore tuttavia non è una questione di genere…

 

Sono un impostore di me stesso?

Può accadere che, nel momento in cui raggiungiamo dei risultati o ci vengano riconosciuti dei meriti, queste conferme che otteniamo dagli altri contribuiscano a renderci paradossalmente ancora più insicuri se, nel profondo di noi stessi, continuiamo a credere da qualche parte che, in realtà, se gli altri ci conoscessero per quello che siamo “veramente” non ci stimerebbero poi così tanto.

Realtà o finzione? La sindrome dell’impostore sembra piuttosto una questione di scarsa autostima e autoefficacia.

 

Come affrontare la paura del giudizio dell'altro?

 

Se ci sentiamo diversi da come gli altri ci vedono

Lungi dall’essere un qualche estroso tipo di malattia psichiatrica – nonostante la sua denominazione ingannevole – la sindrome dell’impostore sarebbe piuttosto una condizione di forte e disturbante discrepanza in cui alcune persone si possono trovare là dove percepiscano una contraddizione fra quello che gli viene riconosciuto dagli altri e come loro si percepiscono “realmente”.

Fare esperienza di questa condizione può essere più o meno disturbante a seconda delle dinamiche di personalità e delle circostanze; la sindrome dell’impostore la si può sperimentare occasionalmente, solo in certe fasi della crescita o come condizione più pervasiva del proprio modo di essere.

 

Perché non ci percepiamo mai all’altezza?

Perché ci si può sentire degli impostori non realmente all’altezza di quanto ci viene confermato e riconosciuto dagli altri?

Un primo fattore è quello noto in psicologia con il termine inglese di locus of control e indica il tipo di attribuzione – esterna o interna – che possiamo fare dei risultati delle nostre azioni assegnando successi e insuccessi o alle nostre effettive capacità o a eventi esterni e indipendenti dalla nostra volontà.

Se i successi e i risultati che otteniamo vengono percepiti come fossero “estranei” a quelle che soggettivamente percepiamo essere le nostre possibilità verranno più facilmente aggiudicati a fortunate circostanze esterne: è il caso di un locus of control esterno che ci impedisce di riconoscere i reali meriti e responsabilità delle nostre azioni.

 

L’autoefficacia percepita

Naturalmente è possibile percepire la sindrome dell’impostore non necessariamente in tutte le situazioni, ma anche in circostanze o aree specifiche.

Questo dipende quella che lo psicologo Albert Bandura definì autoefficacia percepita, ovvero da quanto abbiamo fiducia nelle nostre capacità e percepiamo di poter controllare le conseguenze delle nostre azioni.

Il livello di autoefficacia percepita può essere molto specifico e molto differente a seconda delle vari ambiti della nostra vita. Le giovani donne in carriera studiate dalla Imes e dalla Clance probabilmente potrebbero aver avuto alti livelli di autoefficacia in ruoli che – nell’America degli anni ’70 - percepivano più tradizionali per il proprio genere, mentre stentavano a riconoscersi la possibilità di aver ottenuto successi in sfere più tradizionalmente “maschili”, proprio grazie alle capacità di controllare e dirigere efficacemente il corso delle proprie azioni anche sul lavoro.

 

Autostima, pregi e difetti

Anthony de Mello scriveva, intitolando il suo famoso libro, che dietro le insicurezze personali c’è sempre “un’aquila che si crede un pollo”.

L’autostima e l’autoefficacia si nutrono senz’altro dei riconoscimenti e delle conferme che provengono dall’esterno; tuttavia è importante aver imparato ad accettarci e a stimarci per quello che siamo, pregi e difetti, tenendo conto del fatto che una valutazione specifica sugli esiti di un certo comportamento non equivale ad un giudizio globale sul valore della propria persona.

 

Come migliorare l’autostima?

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: