Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COMPLESSO DI INFERIORITÀ: COME SUPERARLO

Il complesso di inferiorità è più di un brutto momento: è la convinzione irrazionale di essere meno degli altri. Ecco come superarlo aumentando l'autostima

Per superare il complesso di inferiorità è inevitabile prima cercare di comprendere il fenomeno.

Le persone che ne soffrono sono convinti di avere un difetto (reale o meno) e che questo sia evidente a tutti; ciò causa l’idea di essere giudicati negativamente da tutti e di considerarsi inferiore agli altri.

L’incapacità di gestire i propri punti deboli invece di accettarli è alla base del disturbo.

Secondo Alfred Adler, famoso psicanalista, ne esistono di due forme:

  1. il complesso primario nasce nell’infanzia a partire da sentimenti di inadeguatezza e impotenza rafforzati dall’educazione o dal rapporto con i fratelli;
  2. Il complesso di inferiorità secondario invece emerge durante l’età adulta ed è caratterizzata sia da sentimenti di inadeguatezza, sia da pensieri irrazionali e ingestiti circa se stessi e il mondo.

Come superare tutto questo?

 

Come riconoscere il complesso di inferiorità

Come riconoscere il vero complesso di inferiorità e distinguerlo da un brutto momento passeggero?

Sicuramente il fatto che certi comportamenti siano persistenti nel tempo e coinvolgano più aspetti della propria vita sono un indicatore significativo, ma nel dubbio è meglio contattare un professionista.

Quali sono i campanelli d’allarme? Vediamo alcune caratteristiche di chi soffre di complesso di inferiorità:

  • Sono incapaci di perdonare gli errori altrui, ma soprattutto i propri.
  • Provano invidia nei confronti degli altri e difficilmente riescono a costruire relazioni in cui non ci siano chiari riferimenti su cu sia più bravo o meno bravo.
  • Non riescono a gestire le proprie reazioni emotive e prendono ogni commento sul personale, tendenzialmente dandone un’interpretazione negativa.
  • Tendono al perfezionismo, ma nel frattempo si nascondono dagli altri per non essere giudicati
  • Giudicano aspramente il proprio e l’altrui comportamento.

 

Una prima reazione al complesso di inferiorità

Chi soffre di un complesso di inferiorità presenta 3 caratteristiche:

  1. pensieri negativi,
  2. emozioni negative
  3. una scarsa considerazione di sé.

La prima reazione a questo fenomeno potrebbe essere quello di supportare le persone a pensare al contrario, cioè di compensare il difetto ma, data la natura irrazionale dei pensieri, è facile che questa reazione non porti ai risultati sperati perché ovviamente parte da dei presupposti non reali. Il rischio è quello della sovra compensazione: creazione di una falsa immagine di sicurezza e una falsa fiducia in se stessi. Questo processo porta al perfezionismo e all’aspra critica degli altri.

 

Come reagire in modo produttivo?

Un primo passo è quello di valutare i propri pensieri da un punto di vista razionale: quali sono gli elementi a supporto della presenza del difetto e delle sue conseguenze? Quali invece gli episodi in cui la convinzione di essere inferiore si è dimostrata sbagliata? La cosa importante è essere il più specifici possibile e pensare a eventi concreti e non a ragionamenti generalisti.

Coltivare l’autostima è sicuramente l’obiettivo cui aspirare per risolvere il complesso di inferiorità:

  • Cercare di vedere gli aspetti positivi dei difetti
  • Cercaree di distinguere ciò che non può essere cambiato da quello che si può migliorare anche se con fatica
  • Ragionate su quali attività/situazioni sono più in linea con le vostre inclinazioni, sono quelle che vi faranno sentire bene.

 

Egocentrismo patologico e complesso di inferiorità: che legame c'è?

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: