Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

I SINTOMI DELLA PHILOFOBIA

Le fobie sono paure irrazionali che possono concentrarsi sui focus più diversi, ma come si può aver paura dell’amore? Scopriamo i sintomi della philofobia.

Ognuno di noi ha delle paure, ma non tutti le vivono con la stessa intensità! La fobia è una paura irragionevole, estrema e soprattutto immobilizzatrice.

Quando si parla di fobia si entra nell’ambito del disagio psicologico, dove una minaccia aumenta di dimensioni e le reazioni incontrollabili. Una fobia può focalizzarsi potenzialmente su un qualunque oggetto anche la cui natura sia positiva. È il caso della philofobia: la fobia dell’amore!

 

I sintomi della philofobia

La philofobia è proprio la fobia rispetto all’amore e alla capacità di innamorarsi. I sintomi ricalcano i comportamenti tipici delle fobie:

> Una paura incontrollata ed eccessiva nei confronti della possibilità di amare o nei pressi di un potenziale partner.

> Allontanamento delle situazioni o delle persone che ricordano eventi passati legati all’amore o potenziali partner, cioè strategia di evitamento.

> Risposta eccessiva, sia fisica (palpitazioni, fuga, respiro affannoso, ecc…), sia psicologica (pensieri negativi, ruminazione mentale, ecc…) all’esposizione di uno stimolo fobico.

> Il soggetto nel tempo sperimenta la paura della paura: riconosce la natura esagerata della sua risposta fobica e coltiva il timore di una prossima crisi.

 

Ma perché la paura dell’amore?

Non confondiamo la philofobia con una delusione d’amore. Sentirsi traditi o non corrisposti non è certamente un’esperienza piacevole, ma può portare all’evitamento dell’amore, non necessariamente alla paura dello stesso. La philofobia ha origini più profonde e spesso personali.

Secondo Tavormina il fobico è colui che ha paura delle conseguenze che l’amore e l’innamoramento può avere su di se come:

> la sensazione di essere scoperto e senza difese nei confronti di qualcuno,

> l’ansia legata ad una possibile perdita, che poi si ricollega alla sfiducia in sé e all’incapacità di poter allacciare una solida relazione con il partner.

Secondo Bowlby un’altra possibile spiegazione della philofobia è da ricercarsi nel caregiver e nell’attaccamento sviluppato nei suoi confronti.

Una relazione gelida che ha portato non solo a non ricevere amore, ma nello sperimentare gli effetti negativi della sua mancanza può condurre l’adulto a rifuggire la sola possibilità di ritrovarsi nella stessa situazione.

 

Cosa fare per continuare ad amare

Certo l’amore è difficile, ma è una delle componenti fondanti della vita psicologica e affettiva di un individuo, quindi una volta riconosciuta la fobia è bene porvi rimedio.

Una possibile via è quella di intraprendere una terapia cognitivo-comportamentale che agisca sia nella gestione dei pensieri negativi, sia sul controllo comportamentale.


Leggi anche La sofferenza per amore >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: