Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

STRESS: PREVENIRLO CON IL TIME MANAGEMENT

Il tempo è fonte di stress? Per molti si, ma con qualche accorgimento e l'applicazione quotidiana di tecniche di stress management tutto torna sotto controllo

Lo stress è il segnale che qualcosa viene vissuto come un pericolo da affrontare.

Il tempo che passa, che viene sprecato in una società che cerca di espandere il senso di ogni secondo, è una fonte di stress notevole, soprattutto se non si hanno (o si pensa di non avere) gli strumenti e le attitudini per gestire il tempo e non farsi travolgere dalle attività di tutti i giorni.

Il time management è proprio un insieme di tecniche e accorgimenti che aiutano alla gestione delle proprie mansioni. Questo non significa eliminare il "superfluo" o i momenti di relax, ma avere l'elasticità di adattarsi ai compiti che ci aspettano.

 

Lo stress, il tempo e la tecnologia

Da quando il tempo è diventato così sfuggente? In realtà la difficoltà di gestire le attività al meglio e nei tempi previsti è da sempre uno dei compiti principali di alcune figure lavorative, come i manager.

Oggi, con l'integrazione di nuove tecnologie della comunicazione che fanno dell'istantaneo un elemento chiave, questa necessità si fa sentire in modo ancora più pervasivo, poiché:

  • dobbiamo rispondere immediatamente alle sollecitazioni;
  • dobbiamo riportare in tempo reale quello che stiamo facendo;
  • dobbiamo essere sempre connessi.

L'uso del termine "dobbiamo" non è indice della presenza di un'autorità esterna, ma di un imperativo sociale che sta prendendo piede nella mentalità di ognuno di noi.

Quando tale richiesta diventa eccessiva o incontrollata, secondo Alessio Carciofi, si parla di una sindrome chiamata Fear of missing out (paura di essere tagliati fuori).

 

5 modi per rilassarsi e gestire lo stress

 

Pillole di Time Management

Le strategie di Time Management allora possono essere sia generali, sia specifiche per l'addomesticazione delle Nuove Tecnologie, per dominarle e non esserne dominate. Vediamone alcune:

  • Stabilire le priorità: sembra una cosa banale, ma non lo è. Prima di buttarci a capofitto nelle attività proviamo a descriverle in termini di importanza e priorità, lasciando spazio anche a qualcosa di frivolo che ci faccia riposare per un momento. Una lista non è per sempre e le priorità vanno riviste quando arriva qualcosa di nuovo.
  • Dividi le attività: spesso i compiti complessi ci spaventano perché non sappiamo da cosa cominciare. Iniziamo a frazionarli in azioni più semplici e maneggevoli. Sarà più facile tenere d'occhio i progressi e gioire di ogni step raggiunto.
  • Occhio alle mail: le mail sono un potente strumento di distrazione. Allora pensiamo a stabilire dei momenti solo per la posta anche disseminati durante la giornata (ad esempio, 20 minuti ogni 2 ore). Saremo sicuri di rispondere in tempo utile alle mail senza interromperci continuamente.
  • Spegnere il cellulare: vi infastidisce la sola idea? Be', non è la fine del mondo, soprattutto la notte può essere una mossa salutare spegnere o tenere a distanza il telefono dalla camera da letto: allontanerete anche i pensieri ad esso associati e parte dello stress.

 

Sai come usare la griglia di decisione di Eisenhower per gestire il tempo?

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: