Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

SPORT E AUTOSTIMA

Pratica sportiva e autostima, i benefici sull'immagine di sé non solo a livello fisico, ma anche psicologico e sociale. Ecco perché iniziare a muoversi.

Ben noti sono gli effetti della pratica sportiva e del movimento sulla salute fisica, con miglioramento dell’aspetto fisico, della sensazione di benessere, delle potenzialità muscolari e funzionali del corpo, ecc. Meno noti, o comunque meno considerati, i benefici a livello mentale e sociale, come la riduzione dello stress, il miglioramento del tono dell’umore, l’incremento dell’autostima e del senso di autoefficacia.

Nella pratica sportiva, infatti, concorrono innumerevoli fattori che migliorano la salute e il benessere dell’individuo a 360°, e nessuno di essi dovrebbe essere sottovalutato.

 

Cos'è l'autostima

L’autostima può essere definita come la valutazione, il giudizio che la persona fa di se stessa. Può essere considerata come un processo in cui i giudizi dati concorrono nella costruzione di un’immagine di sé più o meno positiva o negativa.

Questa immagine inevitabilmente influenza la propria sensazione di adeguatezza nei diversi contesti, di capacità ed efficacia, il senso di controllo sulle situazioni e il livello di accettazione di sé. L’autostima risente del gap tra il sé reale, ovvero l’immagine derivata dall’insieme delle caratteristiche che realmente definiscono una persona, e il sé ideale ovvero ciò che si vorrebbe essere. Se il gap è elevato si avrà un’influenza negativa sull’autostima, per eccessivo ancoraggio a ciò che si vorrebbe essere svalutando ciò che si è realmente.

L’autostima è influenzata da innumerevoli fattori e insieme di immagine di sé fisica, psicologica, sociale, lavorativa, e anche quella sportiva, ecc. 

 

Leggi anche Il training autogeno nello sport >>

 

Autostima e sport: aspetti fisici e fisiologici

Considerando l’autostima come l’immagine che una persona ha di sé, è possibile intuire gli effetti della pratica sportiva su di essa.

In prima battuta, lo sport migliorare l’aspetto fisico, rendendo il corpo maggiormente tonico, forte e funzionale, migliorandone anche aspetti non direttamente visibili come capacità respiratoria e cardiaca e in ultimo quindi il benessere globale. Considerando quanto l’aspetto fisico sia ritenuto importante nella definizione del sé, sentirsi bene e piacersi fisicamente influenza positivamente la propria immagine.

In secondo luogo, il movimento favorisce il rilascio di sostanze come le endorfine che agiscono sul tono dell’umore, riducendo lo stress e favorendo una risposta più positiva e adattiva all’ambiente, migliorando l’immagine di sé.

 

Autostima e sport: aspetti più nascosti

Lo sport permette di mettere alla prova se stessi e le proprie possibilità attraverso sedute di allenamento via via più strutturate e difficoltose, per chi pratica regolarmente o ad alti livelli, o semplicemente l’iniziare a muoversi e mantenere costanza nel farlo. Il porsi degli obiettivi e raggiungerli attraverso impegno e perseveranza, quindi ottenere risultati più meno evidenti (dal vincere una gara o perdere i kg di troppo, al migliorare la forza fisica e la funzionalità cardiaca, ecc) migliora l’immagine di sé e il pensiero positivo verso le proprie potenzialità.

Oltre ai risultati, si possono sperimentare sconfitte, difficoltà e delusioni per cui sono richieste energie e strategie per ripristinare l’impegno e la motivazione alla pratica sportiva. Tutto questo allena le abilità di problem solving, migliora la consapevolezza di limiti e risorse e le capacità di gestirli, migliorando il senso di autoefficacia e l’autostima.

Infine nello sport si possono sperimentare relazioni con altri, mettendo a frutto e in campo le proprie abilità relazionali, imparando ad adattarle all’altro, al contesto e alla situazione, influenzando l’immagine di sé.

Lo sport quindi incrementa l’autostima su più fronti, favorendo lo sviluppo di un’immagine positiva. Importante è però calibrare i limiti, le risorse e soprattutto gli obiettivi da raggiungere garantendo una buona possibilità di successo e miglioramento, limitando il fallimento e l’insuccesso che possono intaccare l’autostima.

Leggi anche Il cervello degli atleti: lo sport affina la mente? >>

 

 Foto: ammentorp / 123rf.com

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: