Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

I TUOI PENSIERI CREANO LA TUA VITA

Quando nasciamo, siamo come dei "contenitori vuoti" poi durante i nostri primi anni di vita abbiamo sviluppato le nostre credenze. Principalmente abbiamo imparato per imitazione, e così se nostro padre ripeteva spesso:"le persone ricche sono cattive", crescendo abbiamo fatto nostra questa credenza. Se il nostro subconscio associa Ricchezza=Cattiveria, e nella nostra vita vogliamo essere onesti allora è molto probabile che non ci arricchiremo. Se ci siamo ripetuti per anni:"io sono timido", sicuramente non saremo estroversi. I nostri pensieri determinano la nostra vita.

Secondo il ciclo del successo, le nostre credenze determinano a quanto del nostro potenziale andiamo ad attingere, infatti: Credenze – Potenziale - Azioni - Risultati.

Da questo schema risulta quindi che i nostri risultati sono determinati dalle nostre Credenze.

Non esistono Credenze giuste o sbagliate ma esistono quelle utili e potenzianti che ti permettono di raggiungere i tuoi obiettivi. Le credenze non sono altro che una sensazione di certezza riguardo a qualcosa e sono dei pensieri che ripetiamo spesso. Il problema nasce quando vogliamo raggiungere un obiettivo ma le nostre credenze non sono adatte. Quindi se voglio allenarmi con costanza ma credo di essere pigro allora ce un conflitto interno che bisogna risolvere.

Quando il tuo desiderio è allineato alle tue credenze, allora farai di tutto per raggiungere il tuo obiettivo. Quando il tuo desiderio non è allineato alle tue credenze allora troverai un sacco di scuse per non agire e tu diventerai il tuo stesso limite.

Ognuno di noi manifesta costantemente le credenze che ha. Una persona felice e positiva ha credenze completamente opposte ad una persona triste. Una persona ricca ha credenze sul denaro completamente diverse da quelle di una persona povera. Una persona che cura l’alimentazione ha credenze sul cibo diverse rispetto a chi non la cura. Una persona che crede in se stessa ha credenze diverse rispetto a chi non ha fiducia in se stesso. Le nostre credenze determinano i risultati che otteniamo.

Quindi, visto che le credenze sono così importanti, cosa bisogna fare per cambiarle? Semplice, creati delle affermazioni positive. Le affermazioni positive sono delle frasi che ripeti a te stesso fino a farle diventare parte di te. Sono molto potenti!!!.

“Le parole che pronunci costantemente con forte intensità emotiva, diventeranno la tua vita: il tuo paradiso o il tuo inferno” (Anthony Robbins)

1-   Creati le nuove credenze: esempi: “Mi amo e mi accetto così come sono” “ La mia vita è fonte di Gioia” “Promuovo me stesso e il mio valore” “Raggiungo i miei obiettivi con gioia e facilità” “ Ho sempre più denaro di quanto ne ho bisogno” “ Mi merito il meglio”. L’importante è che siano espresse in positivo e al tempo presente. Sono molto potenti le affermazioni che iniziano con” Io sono…”, fai attenzione a ciò che metti dopo le parole “io sono” perché diventeranno la tua realtà

2-   Ripetile: ora che hai scelto le nuove credenze devi farle diventare parte di te, ripetile come un mantra, cantale, scrivile. Ripetile con intensità emotiva e con energia. Usa la tua fisiologia, ripetile utilizzando tutto il tuo corpo. Se non puoi ripeterle ad alta voce allora pensale. Ripetile appena sveglio e prima di andare a dormire (sono due momenti in cui il tuo cervello è più influenzabile). Ripetile più volte che puoi fino a quando non diventeranno parte della tua identità

3-   Metodo extropico: Fabio Marchesi ha inventato il metodo extropico. Quando senti che una parte di te oppone resistenza alle nuove credenze allora usalo. Funziona così: per 21 giorni ripeti le affermazioni con “io scelgo”, poi dopo le 3 settimane con “io voglio” e infine con “io sono”. Per esempio voglio creare in me questa nuova credenza: “Mi amo”. Per 21 giorni ripeto la formula io scelgo, quindi: ” io scelgo di amarmi” e lo ripeto ogni giorno piu’ volte possibile. Per 21 giorni usa la formula io voglio, quindi diventa ”io voglio amarmi” e la ripeto più volte possibile. Per gli ultimi 21 o piu’ giorni ripeto: ”io mi amo”. Quindi se senti della forte resistenza puoi usare il metodo “io scelgo, io voglio, io sono”.

La vita ci fa da specchio delle nostre credenze piu’ profonde. Quali credenze ti hanno “limitato” fino ad oggi? Quali ti hanno aiutato a diventare la persona che sei? Condividi la tua esperienza nei commenti

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: