Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

ATEO E AGNOSTICO, LE DIFFERENZE

Ateo e agnostico, due termini legati alla sfera della spiritualità spesso usati indistintamente ma in realtà molto diversi.

 

I termini ateo e agnostico sono molto spesso utilizzati indistintamente al fine di indicare una categoria di persone che si pone in contrasto rispetto al credo religioso.

In realtà non solo sono differenti dal punto di vista etimologico, ma si pongono in posizioni nettamente distinte rispetto alla religione, all’esistenza di Dio e più in generale nel modo di affrontare la vita e i valori più alti dell’umanità.

 

Ateo, agnostico e l’esistenza di Dio

Il temine ateo deriva dal greco “atheos”, letteralmente “senza Dio”. Questa categoria di persone assume una posizione certa rispetto all’esistenza di Dio, negandola e non ritenendola in alcun modo possibile.

Sono individui fermi nelle loro posizioni che non credo a nulla oltre alla realtà sensibile e percepibile dai 5 sensi. L’ateo nega qualsiasi forma di divinità possibile poiché sarebbe come negare l’esistenza dell’uomo e la sua libertà di scelta, ponendo il suo destino e la direzione della propria esistenza nelle mani di un’entità superiore non dimostrabile e tangibile.

L’uomo dovrebbe accettare qualcosa di dato e imposto senza poter scegliere ed esercitare la propria libertà.

L'agnostico invece è colui che si esime dall’esprimere un giudizio sull’esistenza di una divinità poiché ritiene impossibile dimostrare scientificamente la sua esistenza o non esistenza.

A tal proposito assume una posizione possibilistica, non nega l’esistenza di Dio ma si pone in una posizione di stallo in cui afferma di non avere gli strumenti per dimostrare la natura ed esistenza della divinità.

Il termine greco “a-gnothein” significa appunto “non conoscere” ovvero non avere gli elementi per affermare qualcosa e nemmeno il suo contrario. Dio può esistere come non esistere, non si può avere certezza né di una né dell’altra direzione, quindi non vi è possibilità di esprimere un giudizio unico.

 

Leggi anche Gli ostacoli alla libertà religiosa >>

 

Ateo e agnostico: atteggiamento mentale

L’ateo nella sua convinzione di inesistenza di una divinità non accetta nessuna forma di religiosità e spiritualità affermando la supremazia dell’uomo e della razionalità scientifica.

La posizione assunta è rigida e irremovibile e annulla qualsiasi possibilità di aprirsi alla conoscenza e all’esplorazione di realtà non tangibili e sconosciute. Si dichiara non credente, affermando che dopo la vita terrena non c’è più nulla.

L’agnostico nel suo essere possibilista è aperto a possibili dimostrazioni e confutazioni, pertanto ricerca, si informa, esplora e si approccia ai diversi credo religioni alla ricerca di conferme e prove certe e vere dell’esistenza di un’entità superiore.

È un atteggiamento che lascia aperta la possibilità di esplorare. Si ritiene impossibile trovare una risposta ai quesiti che da anni animano le discussioni filosofiche come quelli sul senso della vita, sull’esistenza della religione e dei valori religiosi, della vita dopo la morte e su principi etici e morali che trascendono dalle potenzialità e possibilità umane.

L’agnostico non nega l’esistenza di forze superiori ma decide di non esprimere alcun giudizio, non prende una posizione, resta nell’indecisione e astensione in cui non è possibile definire se l’agnostico crede o meno.

L’ateo è quindi colui che non crede in modo assoluto e nega qualsiasi possibile esistenza di entità trascendente che vada oltre l’uomo e le sue potenzialità, l’agnostico non si esprime, dice di non sapere e di non poter arrivare alla conoscenza, poiché la divinità è qualcosa di intangibile e non percepibile all’uomo.

Entrambi tuttavia non abbracciano un preciso credo religioso, attivando un atteggiamento di scetticismo e incomprensione della religiosità (ateo) o di ricerca continua di certezze e conferme su principi etici, morali e universali (agnostico).

 

Leggi anche Fede e longevità, credere in Dio aiuta a mantenersi in salute? >>

 

Foto: JOSE JUAN PASARIN VAZQUEZ / 123rf.com

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy